08:52 26 Maggio 2019
Facebook

Museo di Ginevra critica Facebook per la censura di foto di statue antiche senza veli

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
110

Il Museo di Storia ed Arte di Ginevra (MAH) ha accusato Facebook di censura, in quanto il social network non ha permesso la pubblicazione delle foto di due statue antiche per le loro nudità, ha riferito a Sputnik la portavoce del museo Sylvie Treglia-Detraz.

All'inizio di febbraio il museo svizzero aveva deciso di pubblicare sulla sua pagina Facebook le foto di due statue antiche per reclamizzare la mostra "Cesare e Rodano", che si terrà dall'8 febbraio al 26 maggio. Tuttavia il social network non ha bloccato la pubblicazione delle foto "per la presenza di nudità" nelle immagini.

Una delle fotografie mostra una statua in marmo di Venere di Arlesia con il seno non coperto. La seconda foto è una statua in bronzo di un soldato nudo, che simboleggia la vittoria dell'Impero Romano sulle tribù galliche.

Salvador Dalì
© AP Photo / Eustache Cardenas, File

Come ha riferito la rappresentante del Museo di Storia ed Arte di Ginevra a Sputnik, quando si è cercato di pubblicare queste due foto insieme ad altre opere della mostra, il servizio del social network ha inviato una lettera in cui si affermava che queste foto non potevano essere approvate per la politica di Facebook.

"Non diamo il permesso per i post pubblicitari in cui c'è nudità, anche se non di natura sessuale. Comprende anche l'uso della nudità per motivazioni artistiche o educative", si afferma nella lettera di Facebook, una copia della quale è stata presentata da Sylvie Treglia-Detraz.

Secondo la rappresentante del museo, i social network non sono l'unico mezzo per promuovere la mostra. Tuttavia per l'annuncio dell'evento su Facebook il museo è ora costretto ad utilizzare l'immagine di un busto di Giulio Cesare.

Questa vicenda è stata commentata dall'assessore alla Cultura di Ginevra Sami Kanaan. Il politico ha definito assurda la decisione del social network.

Ora sulle pagine ufficiali del museo su Facebook e Twitter ci sono ancora le foto delle statue antiche con le nudità dove le parti intime sono coperte dalle iscrizioni in francese "Censura".

Tags:
Arte, Cultura, Social Network, Storia, Censura, museo, Facebook, Ginevra, Svizzera
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik