Widgets Magazine
08:25 23 Agosto 2019
I terroristi dello Stato Islamico

Russia vuole condannare lo Stato Islamico

© AP Photo / albaraka_news, File
Mondo
URL abbreviato
4110

Il comitato investigativo della Russia sta conducendo un'indagine sul territorio della Siria al fine di portare a responsabilità penale i membri del gruppo dello Stato islamico e di altre organizzazioni terroristiche. Lo ha dichiarato il vicepresidente del comitato Igor Krasnov a Kommersant.

Krasnov ha spiegato che gli investigatori stanno investigando su ogni attacco contro i militari russi, su eventuali vittime e feriti. Sotto la loro giurisdizione sono inclusi anche i danni alle armi. L'agenzia prevede di utilizzare questo materiale per portare i terroristi a responsabilità penale in Russia e in Siria.

"Con l'aiuto dei servizi speciali russi e siriani è stato raccolto un enorme dossier sui membri dello Stato Islamico, e delle prove dei loro atti criminali. In questi casi ci sono sospetti e imputati. Probabilmente, le prove ottenute dai nostri investigatori saranno utilizzate in casi giudiziari internazionali", ha detto Krasnov.

Il vicepresidente del Comitato ha osservato che l'indagine chiarisce anche le informazioni su persone specifiche nello Stato Islamico. L'agenzia raccoglie e archivia questi dati al fine di utilizzarli per identificare i militanti che vogliono tornare dalla Siria alla Russia.

Il 1° febbraio a Mosca, sono stati condannati cinque membri dello Stato Islamico per aver pianificato una serie di attacchi terroristici nella capitale. Sono stati condannati a pene che vanno da 14 a 19 anni di reclusione in prigioni ad alta sicurezza.

Correlati:

USA annunciano distruzione dello Stato Islamico al 99%
Lavrov: Usa usano Stato Islamico come pretesto per presenza militare in Siria
Siria, liquidato principale propagandista dello Stato Islamico
Emirati Arabi ricostruiranno il luogo di nascita dello Stato Islamico
Tags:
Terrorismo, Condanna, Investigazione, condanna, Stato Islamico, Siria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik