18:28 14 Novembre 2019
Indigeno peruviano vestito come re Inca

Scoperte le conseguenze letali della conquista dell’America

© AP Photo / Sebastian Castañeda
Mondo
URL abbreviato
548
Seguici su

La University College di Londra ha scoperto che la colonizzazione dell'America alla fine del XV secolo rese più rigido il clima della Terra. Ciò portò anche all’amplificazione della Piccola Era Glaciale, che portò a un'impennata della mortalità in Europa a causa della carestia e del gelo. Lo riporta da BBC News.

Gli specialisti hanno stimato la popolazione che viveva in Mesoamerica prima del primo contatto con gli europei nel 1492. Poi hanno tracciato come questo numero è cambiato nei decenni successivi a causa di epidemie di malattie come il vaiolo, l'influenza, il morbillo e la febbre tifoide, così come l'azione militare, la schiavitù e il collasso sociale.

Si è scoperto che durante il XVI secolo, la popolazione è diminuita da 60 milioni (il 10% della popolazione totale della Terra) a 5-6 milioni di persone.

Secondo le scoperte dei ricercatori, la caduta della civiltà azteca dovuta agli attacchi di conquistatori ed epidemie che uccisero l'80% della popolazione americana portò all'abbandono di una vasta area di terreno agricolo, stimata a 56 milioni di ettari, che fu rapidamente ricoperta da alberi e altre piante selvatiche.

Il ripristino della copertura vegetale portò dunque all'assorbimento di anidride carbonica dall'atmosfera. Di conseguenza, il contenuto totale di anidride carbonica diminuì di 7-10 parti per milione.

Secondo gli scienziati, l'assorbimento dei gas serra portò al raffreddamento del pianeta e alla Piccola era glaciale, che durò dall'inizio del XVI al XIX secolo. Anche se alcuni processi naturali hanno contribuito a questo, il raffreddamento fu più intenso a causa della catastrofe demografica dei nativi americani.

Correlati:

ONU, clima: “gli impegni presi a Parigi non erano abbastanza”
Ci attende una catastrofe: 152mila morti all’anno per il clima
Il 2019 sarà l'anno più caldo nella storia delle osservazioni meteorologiche
Tags:
Cambiamenti climatici, Ricerca scientifica, America
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik