03:44 22 Febbraio 2019
Un pollo

Gli scienziati britannici hanno trovato le uova che aiutano a guarire dal cancro

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
341

I ricercatori dell'università di Edimburgo hanno cresciuto dei polli, le cui uova contengono due tipi di proteine umane, in grado di contrastare l'artrite e alcuni tipi di cancro.

Nelle uova c'è una proteina umana chiamata IFNalpha2a, con potenti capacità antivirali e proprietà anti-cancro, ma anche una variante di proteina umana e suina chiamata macrofago-CSF, usata per la creazione di un farmaco che stimola l'auto-guarigione dei tessuti danneggiati. I polli sono riusciti a produrre uova curative con l'aiuto di una modificazione genetica: nel loro Dna è stato aggiunto il gene umano responsabile della produzione di proteine importanti nel corpo.

Gli scienziati in passato hanno prodotto diversi tipi di proteine umane con l'aiuto di animali: capre, conigli e galline. Questa volta sono riusciti ad aumentare significativamente il contenuto di proteine negli alimenti animali.

"Solo tre uova contengono una dose clinica del farmaco", hanno detto i ricercatori. Lo sviluppo delle malattie nel corpo è spesso associato alla mancanza di un elemento, ad esempio una certa proteina. Tali malattie possono essere controllate con l'aiuto di elementi  mancanti nei farmaci.

Farmaci con queste proteine sono prodotti in ambienti industriali, ma produrli con le galline costa circa 100 volte meno, dicono gli scienziati. "La produzione con l'aiuto dei polli sarà più conveniente dalle 10 alle 100 volte"  dice il dottor Lissa Heron della società Roslin Technologies, che lavora per la commercializzazione del progetto.

I polli modificati vivono in condizioni di lusso rispetto agli animali comuni, in una fattoria di pollame, dice Heron.

"Vivono in grandi recinti. Sono sorvegliati da lavoratori tecnici qualificati, vengono nutriti e abbeverati ogni giorno. In generale, la vita di questi polli è molto confortevole", dice.

Lo sviluppo del farmaco completo e il superamento di tutte le barriere burocratiche richiederà, secondo i ricercatori, dai 10 ai 20 anni. Tuttavia, gli scienziati intendono utilizzare il loro metodo per produrre farmaci veterinari.

Quindi, intendono produrre farmaci che stimolano il sistema immunitario degli animali come alternativa agli antibiotici. Questo metodo ridurrà anche il rischio di virus resistenti agli antibiotici. "Ad esempio, possiamo usare il farmaco per rigenerare il fegato o i reni di un animale domestico che li ha danneggiati, sul mercato ora ci sono solo farmaci costosi", spiega Heron.

Correlati:

Collezionista russo accusa doganieri britannici di vendita di uova di Fabergé
Russia rimuove restrizioni per l'importazione di pollame e uova da USA e Canada
Russia sospende forniture di carne e uova da diversi Paesi UE
Tags:
Medicina, Cibo, farmaci, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik