00:16 09 Dicembre 2019
Lingotti d'oro

La Banca d’Inghilterra non può trattenere l’oro del Venezuela - esperto

© Fotolia / Oleksiy Mark
Mondo
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (430)
8014
Seguici su

Il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidò si è rivolto alla premier britannica Theresa May e alla Banca d'Inghilterra per trattenere l'oro del governo venezuelano e non cederlo al presidente Nicolas Maduro. Sputnik ha discusso le conseguenze di tale mossa con l’amministratore delegato di GoldVu David Gibson.

Quanto gravi sarebbero le conseguenze per il Venezuela se la Banca d'Inghilterra rifiutasse di ritirare il suo oro?

"Non è un segreto che il Venezuela abbia un disperato bisogno di liquidità perché la sue economia continui a funzionare, anche con un livello ridotto di servizi e beni di prima necessità. 1,2 miliardi di dollari sono una cifra considerevole. Con l'aiuto di questi fondi il governo venezuelano potrebbe fornire servizi essenziali. Gli 11 miliardi di dollari rimpatriati dal presidente Chavez sono durati circa sei anni, quindi non credo che questo denaro sia sufficiente per più di un anno; tuttavia darà tempo al governo. Il fatto che la Banca d'Inghilterra non permetta al Venezuela di ottenere il suo oro non è solo un problema del Venezuela, ma anche un motivo di preoccupazione per gli altri stati."

Esiste un precedente per questo tipo di reazione da parte della Banca d'Inghilterra, specialmente quando accade su richiesta di un presidente autoproclamato?

"Questo è completamente senza precedenti. Banca d'Inghilterra opera solo come custode della proprietà privata di qualcuno. La direzione della Banca d'Inghilterra non ha il diritto di indicare quando e quale oro può essere usato. Qualsiasi paese, che sia la Svizzera o gli Stati Uniti, in qualità di custode, dovrebbe consentire il rimpatrio delle riserve auree in qualsiasi momento. Ora altri paesi inizieranno a dubitare che il Regno Unito e gli Stati Uniti siano luoghi sicuri in cui depositare le riserve auree nazionali. Negli ultimi anni tale questione è sorta diverse volte. Ciò ha portato al fatto che diversi paesi, tra cui la Germania e il Venezuela, hanno rimpatriato il loro oro dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna."

Cosa può fare Nicolas Maduro per influenzare in qualche modo la Banca d'Inghilterra?

"Francamente, molto poco. Voglio dire, non può farlo con l'aiuto dell'esercito. Potrebbe provare a presentare una domanda a un tribunale internazionale, ma è sicuro che tali procedimenti saranno ritardati di molti anni. D'altra parte, sulla strada giusta, il Venezuela può cercare di conquistare nazioni amichevoli o solidali."

Cosa ne pensa dell'intenzione di trasferire l'oro in Turchia?

"Quando l'allora presidente Hugo Chavez ha rimpatriato 160 tonnellate d'oro, ha fatto due cose: lo ha venduto con un piccolo sconto per ottenere liquidità in contanti il più rapidamente possibile, e fece diversi accordi di scambio con Ankara per cedere l'oro in cambio di merci. Grazie a questo, il presidente Chavez ha stabilito un rapporto di fiducia con la Turchia sull'oro. Ciò offre ad Ankara fantastiche opportunità di pubbliche relazioni. La Turchia vuole andare avanti e dire: ‘Guarda come ci comportiamo in modo neutrale rispetto al Venezuela. Affidateci il vostro oro, perché lo trattiamo correttamente, secondo le leggi internazionali".    

Tema:
La crisi politica in Venezuela (430)

Correlati:

Venezuela, Guaidò: Ordinato trasferimento conti esteri del paese
La Cina ignora le sanzioni USA contro il Venezuela
Venezuela, gli USA esortano l’esercito a schierarsi con l’opposizione
Tags:
esperto, oro, Banca d'Inghilterra, Juan Guaidó, Nicolas Maduro, Venezuela, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik