03:05 20 Maggio 2019
Satellite. (File)

La Russia ha registrato manovre militari americane in orbita

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
528

Gli strumenti di monitoraggio russi hanno registrato in orbita geostazionaria le manovre di due satelliti americani delle piccole navicelle spaziali.

Le manovre di uno dei satelliti per la Russia sono state registrate nel 2018. Questo viene reso noto dal documento del centro scientifico astronomico Anz, a disposizione di Sputnik.

Nel mese di aprile 2018 il lancio di un razzo vettore Atlas-5 dalla base Canaveral ha portato in orbita un satellite di comunicazione CBAS (il nome militare ufficiale nel catalogo è USA-283) e un apparato militare tecnologico spaziale EAGLE (USA-284). Da EAGLE poco dopo il lancio si sono separati due satelliti, USA-285 e USA-286, senza destinazione annunciata.

Il sistema automatizzato russo per gli avvisi di situazioni pericolose nei pressi dello spazio esterno alla terra ha registrato la separazione dei due satelliti USA-285 e USA-286 dalla macchina EAGLE il 23 aprile 2018. L'analisi del movimento dei piccoli apparecchi ha rivelato un imprevedibile cambiamento di traiettoria di uno di loro, questo può essere un segnale di manovra, si legge nel documento.

In precedenza, il Ministero degli Esteri, commentando gli aspetti spaziali della "revisione della politica degli Stati Uniti in materia di difesa", ha detto che i piani di Washington per l'uso a breve termine dello spazio per le operazioni di combattimento sono reali.

Secondo la Russia, gli USA hanno scelto di tornare alla realizzazione della nuova versione del programma di Reagan, "Guerre Stellari".

Correlati:

Guerre Stellari polacche: come il primo bambino polacco è stato chiamato Yoda
Daily Mail confronto tra il soldato russo del futuro e guerre stellari
Iran pianifica di lanciare nello spazio un altro satellite
Voci dallo spazio: i russi alla ricerca dei “segnali degli extraterrestri”
Tags:
Satellite, Esplorazione dello spazio, Aeronautica USA, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik