08:52 26 Maggio 2019
Scuola italiana

Maturità 2019: esercizi copiati da un manuale di fisica universitario sovietico

© Foto : TWITTER
Mondo
URL abbreviato
3102

Una storia curiosa è avvenuta con le prove d'esame finali per le scuole italiane. 6 delle 8 prove d’esame nelle scuole di fisica e matematica, proposte dal Ministero della Pubblica Istruzione quest'anno, sono state prese da un vecchio libro di testo sovietico. Oltretutto da un testo universitario.

Gli esempi delle prove, pubblicati il 20 dicembre sul sito web del Ministero, sono stati approvati dal Ministro della Pubblica Istruzione Marco Bussetti.

Quest'anno, per la prima volta in Italia, sulle prove d'esame, vengono proposti insieme problemi di fisica e matematica. E si è scoperto che questi sono stati tratti da un vecchio manuale sovietico tradotto in inglese del 1981, si tratta del corso universitario avanzato in fisica "Compiti in fisica generale" dello scienziato russo Igor Irodov (Problems in General Physics, Igor Irodov).

Il plagio è stato scoperto dagli insegnanti stessi, e ora stanno attivamente discutendo l'incompetenza dei funzionari del ministero sui social network.

Come ha scritto Roberto Natalini, matematico e responsabile delle relazioni pubbliche per l'Unione dei matematici d'Italia (il matematico è membro Consiglio Nazionale delle Ricerche, il più grande consiglio di ricerca in Italia) e portavoce dell'Unione Matematica Italiana:

"Qualcuno tra noi matematici e fisici, avendo visto questi test, ha ricordato il vecchio libro di testo rivelando così il plagio.Questo è un altro esempio di azioni affrettate alle quali ci siamo sempre opposti: si può ancora correggere e apportare cambiamenti, se il Miur vorrà ascoltare l'opinione di esperti e insegnanti di queste discipline scientifiche".

E come hanno reagito al plagio italiano in Russia? Sputnik ha chiesto chiarimenti a Olga Kartseva, direttore e caporedattore della casa editrice Laboratoriya Znaniy, proprietaria dei diritti di molte opere di Irodov.

Secondo Kartseva, le opere di Igor Irodov non sono adatte a prove di scuola secondaria:

"Sono troppo complicate per la comprensione da parte di un semplice scolaro medio, sia italiano che russo. Lo scienziato non aveva ideato quei problemi con quell'obiettivo. Il compito di qualsiasi libro di studio universitario è di consolidare le conoscenze di base formate dal corso di fisica della scuola ed estenderle alla formazione professionale e alle pertinenti competenze professionali. Pertanto, i suoi libri di testo non possono essere utilizzati nel processo di insegnamento nelle scuole di educazione generale come manuali di base, quindi, i compiti da questi libri di testo non possono essere presentati nel formato di compiti di esame per il controllo finale della conoscenza degli studenti delle scuole ordinarie di educazione generale. Conosco un pò lo stato dell'istruzione scolastica in Italia, e lì nelle scuole ordinarie non c'è insegnamento della fisica a livello universitario. Molto probabilmente, questa storia può essere vista come un fraintendimento o un malinteso da parte dei funzionari italiani dell'istruzione", ha detto l'interlocutrice di Sputnik Italia.

Allo stesso tempo, Kartseva ha sottolineato l'opinione degli specialisti russi che ritengono che il libro dei problemi di Irodov possa essere utilizzato come manuale supplementare per un corso principale di fisica. Ma questo vale solo per le scuole superiori e i licei con uno studio approfondito di questa materia.

Inoltre Olga Kartseva ha analizzato l'accaduto dal punto di vista degli aspetti legali, etici e sostanziali. Rileva che i meccanismi legali che proteggono la casa editrice russa come detentore del copyright sono stati avviati, ma ciò non significa che saranno presi "provvedimenti concreti" nei confronti dei colleghi italiani:

"I mercati dei contenuti educativi italiani e russi" esistono "separatamente e sono praticamente estranei. Nessun danno commerciale o morale ci è stato causato. Pertanto, non ci sono motivi per affermazioni. Naturalmente, siamo categoricamente contrari alla distribuzione illegale o gratuita di qualsiasi prodotto, durante la creazione del quale sono state spese alcune risorse, che hanno un certo valore materiale. Qualsiasi lavoro deve essere pagato", ha detto e ha aggiunto che alla casa editrice che dirige "non verrebbe mai in testa di usare i contenuti di altre persone (anche con le migliori intenzioni), definendoli come propri".

"Se la parte italiana farà una richiesta ufficiale alla nostra casa editrice circa la possibilità di un uso legale del materiale, la considereremo sicuramente. Non vi sono motivi per non consentire l'uso legale degli esercizi di Irodov, la scienza non conosce confini e la migliore produzione dei suoi rappresentanti, ovviamente, dovrebbe essere accessibile a tutti. Non solo l'Italia ha attirato l'attenzione sui risultati dell'istruzione superiore russa, il diritto di tradurre e pubblicare libri di Igor Irodov è stato acquistato dall'India. Notiamo un vivo interesse per le sue opere anche da altri paesi", conclude.

Tags:
Fisica, scienza, scuola, URSS, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik