08:25 22 Novembre 2019
Mark Zuckerberg

Zuckerberg unirà Facebook, Instagram e WhatsApp

© AP Photo/ Marcio José Sánchez
Mondo
URL abbreviato
3010
Seguici su

Il capo di Facebook prevede di iniziare presto il processo di integrazione dei social network in un'unica piattaforma di messaggistica.

WhatsApp, Instagram e Facebook rimarranno singole applicazioni, ma quelle sezioni in cui gli utenti comunicano direttamente tra loro, verranno riunite.

"Stiamo per raggiungere i migliori livelli di comunicazione che siamo in grado di raggiungere; le persone vogliono una messaggistica veloce, semplice, affidabile e riservata" scrive su Facebook.

Il pubblico complessivo dei servizi della società è stimato intorno ai 3 miliardi di persone.

Circa il 70% di tutti gli utenti della rete globale hanno almeno un account di uno dei tre social: Facebook, Instagram o WhatsApp. Secondo il piano, l'integrazione dovrebbe concludersi completamente entro il secondo trimestre del 2020.

Migliaia di sviluppatori di Facebook dovranno rielaborare le funzionalità di messaggistica di ogni applicazione a livello di base. Secondo Zuckerberg, tutti i servizi riceveranno la crittografia finale. Ora questa opzione è disponibile solo nel Messenger WhatsApp.

Mark Zuckerberg spera che la fusione delle applicazioni nelle sezioni di messaggistica renderà il pubblico più coinvolto nell'ecosistema aziendale. La fedeltà aumenterà per una maggiore comodità e sicurezza della comunicazione fornita. Inoltre, questo dovrebbe migliorare l'immagine di Facebook dopo gli scandali del 2018 associati alla perdita di dati personali e le precedenti accuse di presunta influenza sulle elezioni presidenziali USA del 2016.

Correlati:

Dipendenti Facebook licenziati per dissenso svelano il mistero dell'impero di Zuckerberg
Mark Zuckerberg: Russia e Cina non hanno hackerato Facebook
Datagate, Zuckerberg: nessun legame trovato tra Russia e Cambridge Analytica
Tags:
Unione, Società, dichiarazione, Whatsapp, Instagram, Facebook, Mark Zuckerberg, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik