09:58 26 Maggio 2019
Facebook

Zuckerberg: Facebook non vende i dati degli utenti agli inserzionisti

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
102

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha assicurato che, nonostante le accuse, la società non vende i dati degli utenti agli inserzionisti.

In precedenza, il Washington Post, citando fonti, ha dichiarato che la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti potrebbe imporre una multa record a Facebook per non aver garantito la privacy dei suoi utenti. Secondo la pubblicazione, verrà applicata una multa superiore a $22,5 milioni se la FTC stabilità che Facebook ha violato l'accordo in base al quale si impegna a informare gli utenti e chiedere il loro permesso di trasferire i propri dati a applicazioni di terze parti. Facebook è stato ripetutamente accusato di aver violato questa condizione.

"Non vendiamo i dati personali nonostante dicano spesso che lo facciamo" ha dichiarato Mark Zuckerberg nella sua colonna sul Wall Street Journal. Secondo lui la vendita di dati agli inserzionisti contraddice gli interessi della compagnia, perché in questa maniera ridurrebbe "il valore unico del servizio per gli inserzionisti". Inoltre ha aggiunto che Facebook ha una forte motivazione a difendere i dati personali.

"Non c'è dubbio sul fatto che raccogliamo alcune informazioni per le pubblicità, ma questi danni fondamentalmente sono importanti per la sicurezza e il lavoro del nostro servizio" ha osservato Zuckerberg.

Secondo il capo di Facebook, i principi di funzionamento fondamentali dei dati personali sono la trasparenza, la scelta e il controllo. Ha dichiarato che la compagnia dovrebbe  chiarire i metodi di uso dei dati degli utenti, e gli utenti a loro volta, dovrebbero fare una scegliere con coscienza quali dati verranno usati.

La società di Facebook in precedenza è finita al centro di uno scandalo politico negli Stati Uniti. I media hanno riferito che Cambridge Analytica, che ha collaborato con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante la campagna elettorale, avrebbe ottenuto illegalmente dati da 50 milioni di utenti da Facebook. Sulla base dei dati raccolti, i ricercatori avrebbero valutato le preferenze politiche degli elettori e avrebbero mostrato loro pubblicità che ricadevano direttamente nella loro area d'interesse.

Correlati:

Facebook cancella le pagine di Sputnik
Dipendenti Facebook licenziati per dissenso svelano il mistero dell'impero di Zuckerberg
Studio: Facebook è una droga pericolosa tanto quanto l’eroina
Tags:
Informazione, Social Network, Informazioni, social network, Cambridge Analytica, Facebook, Mark Zuckerberg, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik