Widgets Magazine
05:58 16 Settembre 2019
Rudolf Hess

Test DNA smentisce la teoria del sosia del collaboratore di Hitler

© Sputnik . V. Kinelovski
Mondo
URL abbreviato
303
Seguici su

Gli scienziati hanno confrontato le informazioni genetiche del più stretto collaboratore di Hitler, Rudolf Hess, con quelle dei suoi parenti. Questo ha permesso di escludere l'ipotesi di un sosia del leader nazista, che sarebbe stato presumibilmente sostituito nel 1941, scrive Forensic Science International: Genetics.

Rudolf Hess era una delle persone più vicine ad Adolf Hitler nella guida della Germania nazista. Dal 1933 al 1941 ha ricoperto l'incarico di Vice Fuhrer e, in effetti, è stata la seconda persona del Partito operaio nazionale socialista tedesco. Nel 1939, il Führer nominò Rudolf Hess come il suo secondo successore dopo Hermann Göring. Nel 1941, fece un volo in solitaria dalla Germania alla Gran Bretagna, atterrò in Scozia, ma fu catturato dai militari. Fu uno degli imputati del Tribunale di Norimberga e morì nel carcere di Spandau nel 1987.

Negli ultimi 70 anni, c'è una teoria del complotto secondo cui l'uomo catturato dai militari nel 1941 non era proprio Hess: si sostiene che i nazisti mandarono in carcere un sosia, o che gli stessi inglesi usarono una persona simile. Molti noti politici, come Franklin Roosevelt, credevano in questa teoria. La cremazione del corpo del "prigioniero numero sette", come Hess fu chiamato nella prigione di Spandau, complicò ulteriormente l'accertamento della verità. Come prova, i sostenitori della teoria della sostituzione hanno indicato che il prigioniero non aveva cicatrici sul petto da una ferita da proiettile e uno spazio tra i denti anteriori. Inoltre, il prigioniero rifiutò d'incontrare i parenti, parlando di una qualche forma di amnesia.

Nel nuovo documento, gli scienziati descrivono la scoperta casuale di un campione di sangue sopravvissuto del "prigioniero numero sette", prelevato nel 1982. È stato tenuto presso il Centro medico militare nazionale Walter Reed a Washington DC (USA). Gli autori sono riusciti a isolare il DNA dal sangue e confrontarlo con le informazioni ereditarie di un parente vivente maschio di Rudolf Hess. I ricercatori concludono che, con una probabilità di oltre il 99,99%, "prigioniero numero sette" era davvero Rudolf Hess.

Correlati:

Hitler ed Eva Braun non avevano vita sessuale
USA, desegretato rapporto CIA sull'orientamento sessuale di Adolf Hitler
Olandese compra per caso un quadro di Hitler per meno di 1 euro
Tags:
Nazismo, dna, nazismo, Nazisti, Adolf Hitler, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik