09:12 21 Maggio 2019
Il cervello umano

Russia, i medici stanno testando un dispositivo per comunicare con il pensiero

© flickr.com / A Health Blog
Mondo
URL abbreviato
0 30

I medici russi stanno testando un dispositivo che consentirà alle persone colpite da ictus di digitare testi su un computer con la sola forza del pensiero. Lo ha dichiarato oggi a Sputnik Alexander Semenov, direttore dell’iniziativa tecnologica nazionale NeuroNet.

Il dispositivo sperimentale si chiama "Neurochat", ed è composto da un neuro-auricolare, delle cuffie wireless con elettrodi posizionati sulla testa del paziente e un computer con un'interfaccia speciale. Il paziente, concentrandosi su una lettera, fissando l'alfabeto sul monitor, può digitare un testo. Il terminale può essere installato sul letto del paziente o su una sedia a rotelle. I pazienti possono comunicare con le persone vicine e utilizzare Internet.

"Il nostro apparecchio ha vinto il premio CES Asia come uno dei prodotti più interessanti e promettenti. Entro la fine di marzo prevediamo di presentare il progetto alla European Neuro Convention, in Inghilterra, che sarà la prima presentazione del prodotto finito ai clienti internazionali", ha detto Semenov.

Egli ha spiegato che il primo lotto sperimentale, di diverse centinaia di dispositivi, è stato inviato a vari centri di riabilitazione russi per essere testato. Attualmente sono in corso trattative per l'approvvigionamento e la fornitura del dispositivo nei centri russi.

"Secondo le nostre previsioni, la produzione in serie inizierà tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate", ha aggiunto Semenov.

L'esperto crede che in futuro il dispositivo potrebbe essere utilizzato nel settore industriale e in quello dell'intrattenimento.     

Correlati:

Prestazioni senza precedenti: USA valutano la tecnologia dei missili russi
Russia trasferisce tecnologia a Cina in cambio di ammodernamento portaerei russa
Malesia: interesse per cooperazione e scambio di tecnologia con la Russia
Tags:
ictus, tecnologia, Medicina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik