Widgets Magazine
00:21 23 Luglio 2019
A female patient in a hospital

Qual è l’origine delle allucinazioni post mortem?

CC0
Mondo
URL abbreviato
754

Perché tante persone che hanno vissuto un esperienza post-mortem parlano di strane visioni? Gli specialisti in neurologia offrono le loro spiegazioni riguardo le visioni che le persone hanno prima della morte.

Circa un terzo di tutte le persone che hanno vissuto un esperienza post-mortem e sono state rianimate dichiarano di aver sperimentato allucinazioni. In questi "sogni di morte" di solito c'è un tunnel buio con una luce alla fine, incontri con parenti e divinità, così come "l'esperienza di lasciare il proprio corpo". Molte di queste visioni hanno un aspetto positivo e danno alle persone la certezza che la loro esistenza continuerà anche dopo la morte terrena. Ma anche visioni negative avvengono: portano un senso di orrore, impotenza e l'inevitabile Giudizio Universale.

Gli esperti nel cervello umano suggeriscono una diversa suddivisione di tali allucinazioni: destra e sinistra. L'attività nell'emisfero sinistro del cervello provoca un alterato senso del tempo e da l'idea di volare. I processi che avvengono nell'emisfero destro sono responsabili per l'apparizione nella coscienza di voci, della musica, delle immagini delle persone, della comunicazione con gli spiriti e le divinità.

Ma i meccanismi specifici che portano alla comparsa di tali allucinazioni sono ancora sconosciuti agli scienziati. Secondo una versione, tali visioni sono il risultato del rilascio di endorfine, che vengono attivamente rilasciate nel sangue in risposta allo stress. Simili processi biochimici sono osservati, ad esempio, con l'introduzione della ketamina, una sostanza che viene utilizzata per l'anestesia. In questo caso, anche i pazienti spesso sperimentano allucinazioni.

Un'altra teoria è l'ipossia. Le persone vedono cose strane quando nel loro cervello manca l'ossigeno. I piloti di aerei con forte accelerazione sperimentano allucinazioni simili. La mancanza di ossigeno porta a disturbi nell'attività dei lobi temporali del cervello, che sono responsabili per l'elaborazione d'informazioni visive e uditive.

La più originale delle teorie è quella del cervello morente. Secondo quest'ultima le allucinazioni sono causate da sostanze che rilasciano le cellule cerebrali morenti, così come i loro impulsi neurali caotici.

Correlati:

Un nuovo metodo per prevedere la morte di una persona
Come riusciamo a prevedere il futuro? Nel cervello abbiamo 2 orologi
Trasferire la coscienza umana su un supporto diverso dal cervello
Studioso brasiliano crea mini-cervello con geni Neanderthal
Tags:
Salute, Medicina, morte, Salute, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik