10:12 19 Febbraio 2019
Caccia israeliano (foto d'archivio)

Morti 4 soldati siriani durante raid dell'aviazione israeliana a Damasco

© AP Photo/ Str/HO
Mondo
URL abbreviato
15130

I bombardamenti israeliani in Siria hanno provocato vittime, hanno riferito i militari russi.

Quattro soldati siriani sono rimasti uccisi ed altri quattro militari sono stati feriti. L'aeroporto internazionale di Damasco è rimasto parzialmente danneggiato.

La scorsa notte le forze israeliane hanno bombardato la Siria in tre direzioni: ovest, sud-ovest e sud.

La contraerea siriana è stata messa in funzione ed ha distrutto più di 30 missili da crociera e bombe teleguidate.

Israele fa sapere che l'attacco è una risposta al tentativo dei gruppi iraniani di bombardare le Alture del Golan dal territorio siriano.

Quello della scorsa notte è stato il più grande raid israeliano contro obiettivi iraniani in Siria dal maggio dell'anno scorso.

Da Tel Aviv hanno garantito che avrebbero continuato a contrastare la presenza ostile delle forze iraniane presso i confini settentrionali ed hanno avvertito di considerare Damasco responsabile di tutto quello che accade in Siria.

La Siria ed Israele hanno una disputa territoriale annosa sulla sovranità delle Alture del Golan. Tel Aviv ha ripetutamente condotto bombardamenti in ​​Siria, motivandolo con la volontà di impedire che armi moderne finiscano nelle mani dei nemici. In primo luogo la questione riguarda il movimento libanese sciita di Hezbollah, che nella regione combatte dalla parte delle forze del presidente siriano Bashar Assad e delle unità iraniane presenti in Siria.

Correlati:

Siria respinge attacco missilistico di Israele. Israele spiega l'accaduto. FOTO, VIDEO
Netanyahu: priorità di Israele è contrastare l’Iran in Siria
Siria, ministero esteri: USA e Israele voglio prolungare il conflitto armato
Israele conduce attacchi contro obiettivi iraniani in Siria
Tags:
Difesa, Sicurezza, Bombardamenti in Siria, crisi in Siria, Esercito della Siria, Medio Oriente, Israele, Iran, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik