Widgets Magazine
10:02 26 Agosto 2019
Il premio Nobel

Donna del Donbass curata in Italia candidata al Nobel della Pace

© East News / Yomiuri Shimbun, AP
Mondo
URL abbreviato
2293

Il giorno 18 gennaio nella Camera dei Deputati a Roma è stata ufficialmente presentata la candidatura di Anna Tuv al premio Nobel per la Pace.

Anna Tuv è la giovane mamma di Gorlovka (città del Donbass attualmente nella autoproclamatasi Repubblica Popolare di Donetsk) che nel maggio del 2015 sotto le bombe ucraine perse una figlia di 11 anni, il marito, la casa, oltre ad una menomazione permanente dovuta alla perdita del braccio sinistro dilaniato dall'esplosione.

In Italia alla Tuv è stata donata una protesi grazie agli sforzi dell'associazione di beneficenza "Aiutaci a salvare i bambini".

Questa proposta nasce dalla collaborazione tra Ennio Bordato presidente dell'Associazione "Aiutateci a salvare i bambini" e Mauro Murgia ambasciatore dell'Ossezia del Sud in Italia. La proposta ha riscosso il sostegno da parte dell'Onorevole della Lega Vito Comencini componente della commissione Affari Esteri.

"La storia di Anna è sicuramente un esempio di terribile tragedia che ci deve far riflettere sull'atrocità della guerra", ha sottolineato Vito Comencini.

Correlati:

Premio Nobel privato di titoli per dichiarazioni razziste
Vincitore Premio Nobel: i giovani italiani abbandonano le città per andare in provincia
“Obiettivo: far esplodere il vuoto”: il ruolo del Premio Nobel per la fisica
Tags:
beneficenza, Premio Nobel, Crisi in Ucraina, Vito Comencini, Ennio Bordato, Donbass, Italia, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik