05:01 20 Maggio 2019
Mexican state police stop traffic, near the entrance of Rancho del Sol, near Ecuanduero, in western Mexico, Friday, May 22, 2015

In Messico non meno di 20 vittime in esplosione di oleodotto

© AP Photo / Eduardo Verdugo
Mondo
URL abbreviato
0 01

Almeno 20 persone sono rimaste uccise e 71 ferite in un'esplosione nell'oleodotto Tuxpan-Tula in Messico, ha riferito il governatore della regione Hidalgo Omar Fayad al giornale Financiero.

L'esplosione si è verificata quando almeno 350 cittadini del posto si erano radunati presso un'apertura artificiale dell'oleodotto per rifornirsi di carburante versandolo in taniche. Le autorità locali riferiscono che i rappresentanti della società Pemex ed i militari si sono diretti verso il luogo della tragedia.

"Ho dato istruzioni al ministro dell'Interno Hidalgo Simon Vargas Aguilar per aiutare le famiglie delle vittime. Abbiamo il sostegno del governo federale per risolvere questa situazione con tutti i mezzi necessari", ha scritto Fayad su Twitter.

​Dal luogo dell'incidente gli abitanti sono stati evacuati e la zona è stata sigillata. Le vittime con gravi ustioni saranno inviate in due ospedali della capitale. Il sindaco di Città del Messico Claudia Scheinbaum ha riferito che quattro elicotteri con attrezzature mediche si stavano dirigendo verso il luogo della tragedia.

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador, che in precedenza aveva dichiarato una vera guerra ai ladri di carburante, ha fatto sapere che le autorità avrebbero aiutato le vittime.

Successivamente si è saputo di un altro incendio presso un oleodotto, questa volta nello Stato di Queretaro. I dati sulle vittime e sui feriti in questo incendio non sono ancora disponibili.

Dall'inizio dell'anno il nuovo governo federale messicano ha avviato la lotta contro i furti di benzina. Le autorità hanno smesso di usare diversi oleodotti e sono passati alla consegna di carburante principalmente con le autocisterne.

Tags:
Società, Oleodotto, Esplosione, Incidente, Messico
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik