Widgets Magazine
12:08 12 Novembre 2019
Vaccino

OMS include in elenco delle minacce globali il rifiuto di vaccinarsi

© AP Photo / Achmad Ibrahim
Mondo
URL abbreviato
9011
Seguici su

L'elenco delle minacce globali all'umanità, preparato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), per la prima volta include il rifiuto di fare i vaccini.

L'OMS ha pubblicato un nuovo elenco di minacce globali all'umanità, che includevano, in particolare, il rifiuto di fare i vaccini. Secondo l'OMS, le ultime tendenze stanno invertendo i progressi compiuti dalla vaccinazione nella lotta contro le malattie. L'organizzazione scrive che la vaccinazione è uno dei metodi più convenienti per evitare la malattia e attualmente evita 2-3 milioni di morti all'anno.

L'OMS osserva che nel mondo nel suo insieme i casi di morbillo sono aumentati del 30% (rispetto a quale anno, non è specificato). Secondo l'organizzazione, le ragioni di questo sono complesse, e non in tutti i casi questo è dovuto al rifiuto delle vaccinazioni. Allo stesso tempo, in alcuni paesi dove lo sradicamento del morbillo era vicino, al contrario, l'incidenza è aumentata, secondo l'OMS. Secondo l'organizzazione, tra le ragioni per cui le persone non si fanno vaccinare c'è anche la difficoltà di accesso ai vaccini e il dubbio sulla loro sicurezza (dei vaccini).

In totale nell'elenco dell'OMS ci sono dieci minacce. Oltre il rifiuto volontario delle vaccinazioni, ci sono l'inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici, malattie non trasmissibili come diabete o cancro, una pandemia influenzale globale, condizioni di vita difficili a causa di conflitti e crisi ambientali, la resistenza agli antibiotici, Ebola e altre infezioni pericolose, scarsa assistenza medica primaria assistenza sanitaria, la febbre dengue e HIV.

Correlati:

Euronews: l'OMS invita tutti gli abitanti del pianeta a muoversi per la loro salute
OMS: l’alcolismo fa più vittime di AIDS, incidenti stradali e crimini messi insieme
Vaccini: un dovere o un diritto?
Tags:
OMS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik