12:30 16 Febbraio 2019
Paesaggio presso Oymyakon, Jacuzia

Inizia in salita l'impresa dell'ultra maratoneta Paolo Venturini in Jacuzia

© Sputnik . Falamov
Mondo
URL abbreviato
0 38

Il veicolo con a bordo gli accompagnatori del noto ultra maratoneta padovano Roberto Venturini, che si cimenterà nell'impresa di attraversare a piedi la zona più fredda della Terra nella regione russa della Jacuzia lungo il circolo polare artico, si è rotto sulla strada per Oymyakon. Lo si afferma nel sito dei vigili del fuoco della regione.

Questa mattina il team dell'ultra maratoneta italiano Paolo Venturini è atterrato a Yakutsk. Il gruppo, che comprende un operatore televisivo, un medico ed un interprete, si è diretto subito verso Oymyakon.

"Oggi alle 10.30 dell'orario locale i vigili del fuoco del villaggio di Ust-Nera hanno ricevuto la segnalazione che a 20 chilometri dal villaggio di Yychugey, nel distretto Oymyakonsky, il veicolo con sette passeggeri a bordo è andato in panne. A bordo si trovavano 3 turisti stranieri, 1 traduttore ed altri 3 rappresentanti delle squadre di soccorso della Jacuzia", si legge nel comunicato.

Come notato dai soccorritori, attualmente la temperatura dell'aria nel distretto di Oymyakonsky è —58 °C, il vento da nord-ovest è di 2 metri al secondo.

"Il gruppo ha raggiunto Oimyakon oggi a pranzo. Adesso gli ospiti stranieri stanno riposando. L'italiano si appresta a correre dopo domani, il 20 gennaio", ha riferito a Sputnik Elena Vinokurova, la vice sindaco del paese.

In precedenza era stato riferito che una squadra accompagnerà l'ultramaratoneta italiano Paolo Venturini durante la traversata del polo nord del freddo. L'italiano correrà con temperature che si aggirano sui 60° sottozero. Venturini non è nuovo ad imprese del genere: ha percorso e portato a termine 20 ultra-maratone in condizioni estreme. L'anno scorso Venturini ha percorso 75 chilometri attraverso il deserto di Lut, in Iran, dove la temperature raggiungono +67 °C.

Tags:
Società, Sport, Incidente, Paolo Venturini, Italia, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik