10:39 19 Maggio 2019
Buco nero

Il risveglio improvviso di un buco nero

CC0
Mondo
URL abbreviato
131

Alcuni astronomi hanno scoperto un buco nero supermassiccio risvegliatosi improvvisamente.

Questo corpo celeste, come si legge sulla rivista Natura Astronomy, ha incrementato la luminosità della galassia in cui si trova di circa il 50% in 2 mesi. Secondo gli scienziati, questo spiegherebbe la brusca accelerazione di assorbimento del gas circostante. I ricercatori non sono ancora in grado di spiegare perché questo corpo celeste si sia risvegliato all'improvviso.

Al centro di quasi tutte le galassie a noi oggi note si trovano buchi neri supermassicci la cui massa può anche essere superiore a quella del Sole di milioni di volte. Tuttavia, gli astronomi non hanno ancora capito come riescano a raggiungere queste dimensioni. Mentre alcuni corpi celesti assorbono il gas circostante a una velocità più o meno costante, altri possono inghiottire direttamente una stella. Tuttavia, al momento gli scienziati hanno scoperto buchi neri in grado di risvegliarsi improvvisamente e accelerare la velocità di accrescimento di alcuni mesi prima di assopirsi nuovamente.

In un nuovo studio il gruppo di ricercatori guidati da Benny Trakhtenbrot del Politecnico federale di Zurigo ha studiato l'evento denominato AT 2017bgt. L'evento è stato osservato per la prima volta nel febbraio del 2017 al centro della giovane galassia 2MASX J16110570+ 0234002, a 900 milioni di anni luce dalla Terra. I dati raccolti da All-Sky Automated Survey for Supernovae hanno dimostrato che la luminosità complessiva della galassia durante l'evento in questione è aumentata di circa il 50% in 2 mesi e più di metà della crescita si è verificata nelle prime 3 settimane. Grazie a ulteriori osservazioni effettuate dall'osservatorio Swift si è chiarito che l'intensità delle radiazioni UV ha superato di circa 75 volte i valori del 2004, mentre quelle a raggi X di 2-3 volte rispetto ai parametri del 1990.

Gli astronomi sono giunti alla conclusione che a un certo punto tra il 2004 e il 2017 si sia verificata una brusca accelerazione della radiazione ultravioletta emessa dalla sorgente AT 2017bgt. La radiazione è stata accompagnata anche da un aumento più contenuto delle radiazioni a raggi X e visibili.

Inizialmente gli scienziati pensavano di stare osservando ciò che viene definito un evento di distruzione mareale, ovvero la distruzione di una stella che si è avvicinata troppo a un buco nero. Tuttavia, l'analisi dei dati ottenuti ha dimostrato che alcune caratteristiche dello spettro dell'AT 2017bgt non coincidono con quelle che solitamente si osservano nel caso di assorbimento di una stella da parte di un buco nero.

Inoltre, l'evoluzione della curva di luce è stata troppo lenta per un evento del genere e il buco nero molto probabilmente non era completamente a riposo prima dell'evento.

Trakhtenbrot pensa che il suo gruppo sia riuscito a scoprire un nuovo metodo con cui si "alimentano" i buchi neri. Alcune caratteristiche singole dello spettro dell'AT 2017bgt coincidono con le previsioni statistiche di un altro gruppo relativo a buchi neri supermassicci che assorbono gas in rapido movimento. Inoltre, in passato gli astronomi hanno registrato due eventi con caratteristiche simili.

Se l'ipotesi degli scienziati è corretta, l'evento AT 2017bgt si è verificato in seguito all'accelerazione dell'accrescimento della sostanza di un buco nero supermassiccio di massa pari a circa 1,8 x 107 volte quella del Sole. Tuttavia, gli scienziati non sono ancora in grado di spiegare a cosa sia legato questo risveglio.

"Sappiamo che esistono alcuni modi per accelerare la crescita di un buco nero gigante, ma solitamente questi richiedono un periodo di tempo più lungo", osserva Trakhtenbrot. In futuro spera di scoprire altri corpi celesti simili per risolvere il mistero.

L'anno scorso gli astronomi hanno scoperto un buco nero che cresce più velocemente di tutti i buchi neri a noi oggi noti. Ogni due giorni assorbe tanta sostanza quanta ne contiene il Sole.

Tags:
buco nero, Spazio
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik