12:29 16 Febbraio 2019
The picture shows a general view of Tokyo

Giappone si rivolge a USA per difendersi dagli hacker cinesi

© AFP 2018 / TORU YAMANAKA
Mondo
URL abbreviato
103

Il Giappone si aspetta assistenza da parte degli Stati Uniti nella lotta contro i continui attacchi degli hacker cinesi, scrive il South China Morning Post. Di questo argomento parlerà il ministro della Difesa giapponese Takeshi Iwaya, giunto a Washington per una visita di cinque giorni.

Tokyo intende ottenere aiuto da Washington per migliorare il proprio sistema di difesa informatica. Secondo Ivai, il paese intende aumentare il numero di truppe di guerra informatica a duemila unità. Quante unità ci sono attualmete in servizio ora non è specificato. "Attendiamo con ansia la collaborazione e l'assistenza degli Stati Uniti", ha affermato.

La preoccupazione particolare del Giappone è il gruppo di hacker noto come Advanced Persistent Threat 10 (APT10). Questo gruppo, secondo il ministro, è legato al governo cinese ed è stato coinvolta in attività d'intelligence negli ultimi 10 anni.

Tokyo ha ripetutamente invitato Pechino a prendere provvedimenti contro gli hacker. Uno degli incidenti più noti è avvenuto nel 2016, quando il database della Japan Business Federation è stato violato. L'APT10 è stato sospettato nell'attacco, in quanto i programmi di virus che hanon rubato le informazioni sono stati usati nei primi attacchi del gruppo hacker.

Nell'ottobre 2018, gli Stati Uniti hanno accusato gli hacker cinesi di spionaggio informatico e di furto di proprietà intellettuale. Secondo i funzionari, i criminali hanno avviato un operazione di furto di dati su larga scala rivolta ai fornitori di servizi tecnologici.

Correlati:

Esperto: imbarazzante che un hacker ventenne abbia rubato i dati dei politici tedeschi
Gli hacker hanno pubblicato il rapporto Integrity Initiative sul lavoro di Sputnik e RT
Gli hacker hanno rubato i dati di migliaia di disertori nordcoreani
Tags:
hacker, hacker, Attacco hacker, Giappone, Tokyo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik