08:28 21 Maggio 2019
Mikhail Gorbachev e Ronald Reagan visti dopo aver firmato il Trattato INF, l'8 dicembre, 1987

Trattato INF, per gli USA l’incontro con la Russia di Ginevra è stato deludente

© AP Photo / Bob Daugherty
Mondo
URL abbreviato
3112

Gli Stati Uniti hanno ritenuto deludente l’incontro di Ginevra con la Russia riguardante il trattato sull'eliminazione dei missili a corto e medio raggio (INF). Lo ha dichiarato oggi il sottosegretario di stato per il controllo degli armamenti e la sicurezza internazionale Andrea Thompson.

"L'incontro è stato deludente, perché è chiaro che la Russia continua a violare il trattato e non è pronta a spiegare come intende tornare alla sua piena e verificabile attuazione", si legge nella dichiarazione della Missione permanente degli Stati Uniti all'ONU a Ginevra per conto della Thompson.

Ella ha sottolineato che il messaggio degli Stati Uniti è chiaro: "La Russia deve distruggere il sistema missilistico che non rispetta il trattato". Il riferimento è al sistema russo 9M729.

La Thompson ha aggiunto che delegazione statunitense mercoledì riferirà sui risultati della discussione ai suoi alleati, inclusa la NATO.

Lo scorso 4 dicembre il segretario di stato americano, Mike Pompeo, ha lanciato un ultimatum alla Russia: se entro 60 giorni Mosca non rientra nei parametri del trattato INF, altrimenti gli USA si ritireranno definitivamente dall'accordo. 

Negli ultimi anni, Mosca e Washington si accusano regolarmente a vicenda di violare il Trattato INF. La Russia ha ripetutamente dichiarato di attenersi rigorosamente agli obblighi previsti dall'accordo. Il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov le accuse degli USA non sono comprovate.    

Correlati:

Mosca disposta a consultazioni con gli USA “in qualsiasi momento” su trattato INF
Trattato INF, Heiko Maas: il futuro dell’accordo dipende dalla Russia
Segretario NATO parla di "ultima possibilità" della Russia per rispettare Trattato INF
Tags:
Trattato Inf, violazioni, Missili, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik