07:31 26 Marzo 2019
Aeroporto Ataturk di Istanbul

Turchia irrigidisce regole per il trasporto dei turisti

© AFP 2018 / Ozan Kose
Mondo
URL abbreviato
0 12

Dal gennaio 2019, il ministero dei Trasporti della Turchia ha introdotto il sistema online U-ETDS, che rimuoverà i "proprietari privati" senza licenza dal mercato del trasporto turistico, riferisce ATOR.

Secondo i media turchi, per combattere il trasporto illegale di passeggeri in Turchia, il Ministero dei trasporti del paese ha sviluppato e implementato il sistema online statale U-ETDS, obbligatorio per tutti i veicoli che trasportano turisti stranieri, dal 2 gennaio 2019. Solo le società di trasporto turche che dispongono di una licenza D-2 (licenza per il trasporto di passeggeri) potranno accedervi.

Come hanno detto i rappresentanti dell'industria turistica turca, i tour operator russi lavorano con compagnie turche grandi e in bianco, quindi si presume che questa innovazione molto probabilmente non influenzi né il prezzo né i processi aziendali di ricezione e invio di turisti.

Ciononostante, il nuovo sistema dovrebbe disciplinare i turisti: saranno messi sul bus rigorosamente in base alla lista presentata al sistema, e per coloro che saranno in ritardo per il loro trasferimento, potrebbero esserci più problemi rispetto a prima.

Allo stesso tempo, i turisti che preferiscono non contattare le agenzie e ordinare il trasferimento da privati sui social network o attraverso altri servizi online ora avranno difficoltà a trovare un trasferimento economico dagli aeroporti turchi. Approfittando della situazione, i tassisti ufficiali negli aeroporti hanno già aumentato i prezzi del 15-20%.

Correlati:

Turchia continua ad ammassare corazzati al confine con la Siria
Turchia attaccherà i curdi in Siria a prescidere dalle azioni degli Stati Uniti
La Turchia ha rifiutato di obbedire alla richiesta degli Stati Uniti
Tags:
Turismo, Trasporto, turisti, turismo, Trasporti, Il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik