06:35 22 Aprile 2019
Casa Bianca, Washington, USA

Un canadese è stato arrestato: voleva fare un regalo a Trump

© AP Photo / Andrew Harnik
Mondo
URL abbreviato
0 32

La polizia di Washington ha arrestato un cittadino canadese, Janni Georgopoulos, in una zona proibita della Casa Bianca.

Georgopoulos è stato arrestato nella notte del 2 gennaio. Il canadese era intorno alla recinzione della Casa Bianca usata il parcheggio di biciclette, una scritta avverte che il passaggio in quella zona è vietato. Il poliziotto nelle vicinanze ha avvertito Georgopoulos più volte dell'inammissibilità delle sue azioni, e il canadese ha lasciato l'area riservata. Dopo la polizia l'ha arrestato e accusato di essere illegalmente nel territorio protetto.

Il detenuto ha ammesso di aver ignorato consapevolmente i segnali di pericolo sulla rastrelliera per biciclette. Ha spiegato le sue azioni con il desiderio di dare al presidente degli Stati Uniti Donald Trump due bottiglie di whisky canadese. Inoltre, secondo Georgopoulos, voleva chiedere al presidente di aiutarlo a trovare sua moglie. Si osserva che il canadese è stato recentemente arrestato per minacce e molestie ai parenti. Ha detto alla polizia che non può rispondere sulla data di ritorno a casa. L'avvocato di Georgopoulos ha rifiutato di commentare ciò che è accaduto.

Il 28 dicembre si è appreso che un cittadino degli Stati Uniti Paul Whelan è stato arrestato a Mosca con l'accusa di spionaggio. Contro di lui c'è un procedimento penale in base all'articolo 276 del codice penale, che riguarda lo spionaggio. Il sospetto rischia fino a 20 anni di reclusione. Altri dettagli del caso non sono ancora stati resi noti. L'FSB ha sottolineato che al momento sono in corso le indagini.

Correlati:

Turchia annuncia visita consigliere sicurezza Casa Bianca dopo capodanno
RT pubblica video “sull'ingerenza di Capodanno” nella Casa Bianca
Usa, Casa Bianca critica tribunale Washington per decisione su immigrazione
Tags:
polizia USA, arresti, arresto, Casa Bianca, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik