13:19 18 Gennaio 2019
Jean-Claude Juncker

Junker accusa i paesi dell'Unione Europea di "sfacciata ipocrisia"

© AP Photo / Geert Vanden Wijngaert
Mondo
URL abbreviato
206

I capi degli stati dell'Unione Europea si stanno dimostrando ipocriti nel rafforzare la protezione delle frontiere esterne. Lo ha dichiarato il capo della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, in un'intervista al quotidiano Welt am Sonntag e pubblicata oggi.

Juncker ha osservato che da oltre due anni tutti i capi di stato e di governo degli stati dell'UE chiedono maggiore sicurezza alle frontiere. Allo stesso tempo, però, dei paesi criticano il rafforzamento del contingente Frontex perché potrebbe influire negativamente sulla sovranità nazionale.

"Ci è stato detto che tutto si sta sviluppando troppo velocemente e che i numeri sono troppo alti. Si tratta di sfacciata ipocrisia", ha detto Juncker.

Egli ha affermato che i leader europei criticano continuamente l'inadeguata protezione dei confini dell'Unione, ma non vogliono assumersi gli obblighi associati.

"Quindi l'Europa non può funzionare, dobbiamo agire rapidamente per essere preparati e le frontiere esterne dell'UE devono essere davvero sotto controllo: gli Stati membri interessati dovrebbero mettere da parte le loro riserve e accettare rapidamente la proposta di proteggere la frontiera esterna", ha aggiunto.    

Correlati:

Telegraph: ministra britannica contro Juncker per "il terribile appello" alle donne
Conte da Juncker: deficit può scendere al 2,04%. Di Maio e Salvini freddi
Juncker: nessuna alternativa all’accordo sulla Brexit
Tags:
Sicurezza, Frontiere, Jean-Claude Juncker, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik