Widgets Magazine
03:09 16 Luglio 2019
Emmanuel Macron e  Alexandre Benalla

Francia: Benalla, avvitata indagine su presunto uso illegale passaporti diplomatici

© AP Photo / Christophe Ena
Mondo
URL abbreviato
220

L'ex collaboratore di Macron era già stato accusato di aver pestato dei manifestanti a Parigi.

La procura di Parigi ha avviato un'indagine preliminare sul presunto uso illegale dei passaporti diplomatici da parte di Alexandre Benalla, ex aiutante della sicurezza del presidente francese. Giovedì i media hanno riferito che Benalla avrebbe utilizzato un passaporto diplomatico per i viaggi d'affari in Africa dopo il licenziamento dall'ufficio presidenziale. Il Ministero degli Esteri francese ha considerato tali azioni illegali e il ministro Jean-Yves Le Drian ha deciso di contattare i pubblici ministeri. Secondo Le Monde, l'indagine preliminare è stata avviata sabato.

Tra le altre cose, l'ex dipendente dell'amministrazione presidenziale è accusato di "abuso di fiducia" e uso improprio di un documento giustificativo. In precedenza è stato riferito che il Ministero degli Esteri francese ha inviato lettere a Benalla il 26 luglio e il 10 settembre con la richiesta di restituire due passaporti diplomatici. Lo scandalo che coinvolge Benalla è scoppiato nel mese di luglio, dopo che è apparso un video in cui il collaboratore di Macron aggrediva donna e un giovane uomo.

Dopo l'uscita del video, Benalla ha affermato che stava aiutando la polizia ad affrontare i manifestanti più violenti. A luglio, l'ufficio del pubblico ministero ha avviato un'indagine preliminare sull'incidente. Benalla è stato accusato di molteplici reati, tra cui atti di violenza e interferenze nel lavoro dei servizi pubblici.     

Correlati:

Mosca risponde alle critiche di Merkel e Macron sulla violazione dei diritti umani
Merkel e Macron hanno chiesto alla Russia di liberare i marinai ucraini
Circa 40 "gilet gialli" provano ad entrare nella residenza estiva di Macron
Tags:
Indagine, Alexandre Benalla, Emmanuel Macron, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik