12:25 18 Aprile 2019
Kvivik, Faroe Islands

Come le Isole Færøer danneggiano il fronte sanzionatorio antirusso

© flickr.com/ Bo Nielsen
Mondo
URL abbreviato
7251

Le Isole Færøer, regione autonoma della Danimarca, non sostengono le sanzioni UE contro Mosca, e ricevono enormi profitti dall'esportazione di pesce in Russia, minando l'unità del fronte antirusso, scrive Sveriges Radio.

Ora più di un quarto di tutte le esportazioni delle Isole Færøer vanno al mercato russo, dove riempiono una nicchia lasciata dai fornitori europei. Dal 2013, le esportazioni di pesce dalle isole Færøer è passata da 700 milioni a 2,5 miliardi di corone danesi ($383,1 milioni di dollari).

"In effetti, non abbiamo cambiato nulla, e nessuno ci ha invitato al tavolo dei negoziati," ha detto il ministro della Pesca delle Isole Færøer, Högni Hoydal, aggiungendo che il paese ha raggiunto un consenso politico sulle sanzioni contro la Russia.

Tuttavia, le Isole Færøer non sono uno stato indipendente. Si autogovernano, ma si trovano comunque in Danimarca. Allo stesso tempo, l'autonomia non fa parte dell'UE e può determinare autonomamente la sua politica commerciale, quindi, da un punto di vista legale, le Færøer non sono obbligate a sostenere le sanzioni, il che provoca irritazione nel governo danese, afferma Sveriges Radio.

"Noi occidentali stiamo cercando di opporci all'aggressione russa con un fronte unito, quindi il fatto che le isole Færøer ignorino le sanzioni è un problema: legalmente, non ci sono ragioni per criticarle, ma in questa situazione c'è anche un aspetto morale e, a questo proposito, stanno sbagliando", Sveriges Radio cita il rappresentante autorizzato dal partito danese Venstre sulle questioni di politica estera Michael Astrup Jensen.

A suo avviso, le azioni delle Isole Færøer possono seriamente danneggiare l'Unione europea, poiché hanno recentemente ampliato la cooperazione con la Russia firmando una dichiarazione di intenti con l'Unione economica eurasiatica.

"Le Isole Faroe possono diventare un elemento della propaganda russa. In Russia, ora possono dire che il mondo occidentale non è unito, e possono usare le Færøer ", ritiene Jensen.

Le relazioni tra Russia e paesi occidentali si sono deteriorate a causa della situazione in Ucraina e in Crimea. L'Occidente, accusando Mosca di ingerenza, ha imposto sanzioni contro di essa, la quale a sua volta ha risposto con un embargo alimentare e una politica di sostituzione delle importazioni, e più di una volta ha affermato che parlare con il linguaggio delle sanzioni è controproducente. Di recente, nei paesi dell'UE, le opinioni sulla necessità di revocare le sanzioni contro la Russia sono state ascoltate più chiaramente.

Correlati:

La Russia aspetta la decisione della Danimarca sul Nord Stream 2
Polonia e Danimarca firmano accordo su delimitazione zone marittime nel Mar Baltico
Nuovo progetto di legge in Danimarca, parla un giornalista critico della NATO
In Danimarca proposto disegno di legge per arrestare chi ha “posizione filorussa”
Tags:
sanzioni antirusse, Esportazione, Sanzioni contro la Russia, esportazione, Sanzioni alla Russia, Esportazioni, Unione Economica Eurasiatica, UE, Danimarca, Russia, Færøer isole
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik