Widgets Magazine
14:34 17 Settembre 2019
Esplosione di una supernova

Esplosione di una supernova ha provocato un estinzione di massa sulla Terra

© Depositphotos / Juric.P
Mondo
URL abbreviato
160
Seguici su

2,6 milioni di anni fa una potente esplosione di una supernova non lontano dalla Terra ha provocato l’estinzione degli abitanti giganti dei mari del nostro pianeta prima dell’inizio dell’era glaciale. Lo riporta Astrobiology.

"Abbiamo scoperto che le conseguenze di questa esplosione sono state molto più gravi per i grandi animali marini: per esempio, potrebbe aver annientato i megalodonti, i cugini giganti degli squali bianchi odierni ma con le dimensioni di un autobus; sono scomparsi circa 2,6 milioni di anni fa" ha dichiarato Adrian Melott dell'Università del Kansas a Lawrence (USA).

Due anni fa, gli astronomi hanno dichiarato di essere riusciti a trovare le prime tracce inequivocabili che circa 2,6 e 8,7 milioni di anni fa la superficie della Terra e di altri pianeti del Sistema Solare è stata bombardata dai raggi di una supernova relativamente vicina.

Le loro tracce sotto forma di atomi di isotopi di ferro ( 60Fe) instabili, che appaiono solo all'interno di stelle morenti, sono state recentemente scoperte dal satellite dell'ACE nello spazio, così come sul fondo dell'oceano e nelle rocce del suolo lunare portate sulla Terra dalle spedizioni dell'Apollo.

Inizialmente, gli scienziati credevano che queste esplosioni di stelle fossero avvenute a una distanza di circa 300-600 anni luce dalla Terra. Più tardi si è scoperto che i loro "antenati" erano due volte più vicini al nostro pianeta, a una distanza potenzialmente pericolosa da esso.

Melott e i suoi colleghi già da diversi anni cercano di comprendere come queste esplosioni hanno influenzato la vita e l'evoluzione della flora e della fauna sulla Terra, e anche di trovare altre tracce "materiali" di questi eventi, oltre alle loro tracce sul fondale oceanico e sulla luna.

Ad esempio, un anno fa hanno scoperto che queste esplosioni avrebbero dovuto ridurre lo spessore dello strato di ozono e aumentato la frequenza dello sviluppo del cancro e la comparsa di nuove mutazioni nel DNA di tutti gli esseri viventi, ma che non avrebbero dovuto causare l'estinzione degli animali sulla terra. Nel loro nuovo lavoro, gli scienziati americani hanno valutato come le esplosioni di supernove abbiano influenzato la flora e la fauna marina.

Come spiega Melott, le radiazioni di raggi gamma e i raggi cosmici generati dalle stesse supernovae hanno scarso effetto sulla vita della flora e della fauna. L'atmosfera densa della Terra e persino uno strato di ozono indebolito riescono a fermare e a neutralizzare completamente questi raggi.

D'altra parte, le interazioni tra questi "ospiti dallo spazio" e gli atomi e le molecole dell'aria danno origine a un altro tipo di particelle cariche, i cosiddetti muoni. A differenza dei loro antenati, possono penetrare decine di metri all'interno della Terra e centinaia di metri di profondità negli oceani, interagendo con gli atomi e le molecole nel DNA e nelle proteine ​​degli animali.

Di norma, le cellule di tutti gli animali e le piante eliminano la maggior parte di questi danni senza conseguenze peculiari per se stessi. Durante le esplosioni di supernovae, come hanno suggerito gli scienziati, il flusso di muoni può raggiungere una tale densità che le mutazioni che generano ucciderebbero direttamente gli abitanti dei mari o che provocherebbero un numero enorme di tumori cancerosi.

Contando il numero di tali particelle, gli scienziati hanno notato un fattore che in precedenza non avevano notato. All'incirca nello stesso periodo, ci fu un altra inversione dei poli magnetici della Terra, il cui risultato fu che il campo magnetico del pianeta era indebolito. Questo, secondo Melotte, ha aumentato di diverse volte il numero di muoni che raggiunsero la superficie terrestre e marina.

Come risultato di ciò, come mostrano i calcoli degli scienziati, la dose tipica di radiazioni ricevuta dagli abitanti delle acque basse e dagli strati superiori dell'oceano è aumentata di circa 100 volte. Questa situazione, secondo il ricercatore, è persistita per diverse decine di migliaia di anni dopo questo evento.

Soprattutto, più grande era dimensione dell'animale, maggiore è stata la quantità di radiazione assorbita da questo. A differenza delle particelle alfa e di altre fonti "terrestri" di radiazioni ionizzanti, i muoni possono penetrare completamente attraverso il corpo di un animale e fare molti più danni alle sue cellule.

Tutto ciò, come sottolinea l'astronomo, conferma il fatto che la maggior parte degli animali che si estinsero tra il Pliocene e il Pleistocene, vivevano in acque poco profonde e avevano dimensioni impressionanti.

Melot ei suoi colleghi sperano che successivi scavi e osservazioni di esplosioni di supernovae li aiuteranno a confermare questa teoria e a trovare altre estinzioni di questo tipo.

Correlati:

Prevista completa estinzione della fauna selvatica
Due esplosioni di supernova hanno causato l'estinzione sulla Terra
Scienziati studiano rinoceronte in estinzione da un milione di anni
Ecologia, le piante più antiche del mondo rischiano l’estinzione
Tags:
Spazio, Supernova, estinzione, estinzione, Universita di Kansas, Mondo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik