Widgets Magazine
10:34 19 Agosto 2019
Bandiera della Cina

Cina, il regolamento statale sulla prostituzione potrebbe essere modificato

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
336

Le autorità cinesi potrebbero annullare il vigente regolamento sulle prostitute, che prevede la reclusione per loro e i loro clienti. Lo riporta oggi il China Daily.

L'iniziativa di abolire le norme esistenti è stata presentata dalla commissione per gli affari legali dell'Assemblea popolare cinese, durante la sessione ordinaria bimestrale.Il comitato invita le autorità competenti ad adottare le misure necessarie in modo tempestivo per contribuire all'eliminazione delle norme esistenti.

"Ciò significa che coloro che hanno il diritto di presentare proposte all'NPC, inclusi i membri dell'NPC e il Consiglio di Stato, possono presentare una proposta per abolire le norme pertinenti, e credo che il Comitato permanente sosterrà questo passo", ha affermato il vice presidente dell'Associazione cinese degli avvocati Ju Jeng-fu.

Secondo il regolamento vigente, le prostitute e i loro clienti possono essere puniti con la detenzione da 6 mesi a 2 anni. Durante questo periodo, i detenuti devono seguire un corso educativo su questioni etiche e legali, devono anche svolgere un lavoro utile e sottoporsi a una visita medica.

Ju Jeng-fu ha sottolineato che queste norme sono in contrasto con la costituzione cinese, che protegge i diritti umani. Secondo lui, qualsiasi punizione contro i cittadini dovrebbe essere prevista dalle leggi pertinenti e non da regole o regolamenti.    

Correlati:

Cina, esplode laboratorio universitario a Pechino: 3 morti
Navi militari giapponesi andranno in visita in Cina per la prima volta dopo 7 anni
“Per il Brasile di Bolsonaro sarebbe un suicidio allontanarsi da Cina e BRICS”
Tags:
prostituzione, Regolamento, modifica, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik