13:06 18 Gennaio 2019
Rovine di Babilonia

Spiegata la misteriosa scomparsa della più grande civiltà dell'antichità

© AFP 2018 / ALI AL-SAADI
Mondo
URL abbreviato
0 70

Gli scienziati dell'Università di Oxford hanno scoperto che la caduta dell’Impero di Akkad quattromila anni fa fu dovuto a una siccità su vasta scala nella regione. I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo aver analizzato la composizione chimica delle stalagmiti nella grotta di Gol Zard nel nord dell'Iran, riporta EurekAlert!

L'Impero di Akkad esisteva nel XXIV-XXII secolo a.C. in Mesopotamia, sul territorio dell'Iraq moderno. L'Impero accadico è stato uno degli stati più grandi dell'epoca ma alla fine del XXIII secolo a.C. cadde in rovina.

I climatologi studiando le stalagmiti hanno rivelato due specificità: 4510-4260 anni fa vi fu un aumento del rapporto magnesio/calcio, un rallentamento nella crescita delle stalagmiti e un aumento del contenuto d'isotopi stabili dell'ossigeno —18. L'aumento del numero di quest'ultimo indica un lungo periodo di siccità e la presenza di un gran numero di atomi di magnesio indica un alto contenuto di polvere nell'aria.

Secondo gli scienziati, l'inizio della siccità è stato improvviso, costringendo le persone a lasciare gli insediamenti nel nord della Mesopotamia e trasferirsi in regioni più favorevoli. Il clima avverso è durato diversi secoli.

Correlati:

Meteorite distrusse antica civiltà mediorientale
Alternativa all’uomo: sulla Terra possibile una civiltà marina
Ricercatori americani definiscono la causa della morte delle antiche civiltà
Egitto, scoperta civiltà più antica delle piramidi
Tags:
Archeologia, Storia, civiltà, Storia, Mesopotamia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik