Widgets Magazine
16:22 22 Ottobre 2019
Julian Assange

ONU invita le autorità britanniche a non ostacolare l'uscita di Assange dall'Ambasciata

© REUTERS / Neil Hall
Mondo
URL abbreviato
1111
Seguici su

Le Nazioni Unite ritengono che il fondatore di WikiLeaks sia libero di muoversi conformemente alla Convenzione sui diritti umani.

Gli esperti dell'ONU per i diritti umani hanno invitato nuovamente il Regno Unito a permettere al fondatore di WikiLeaks Julian Assange di lasciare liberamente il territorio dell'Ambasciata ecuadoriana a Londra, dove ha trovato riparo nel 2012 per non essere arrestato dalle autorità britanniche a seguito della violazione delle condizioni di libertà su cauzione. Lo ha segnalato l'ufficio dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR).

"Secondo il diritto internazionale, la carcerazione preventiva dovrebbe essere applicata solo in un numero limitato di casi", sostengono gli esperti.

Secondo loro, l'unica ragione per togliere la libertà ad Assange due anni dopo il completamento delle indagini contro di lui in Svezia resta la sua violazione delle condizioni di rilascio su cauzione nel Regno Unito.

"Questa violazione è un reato piccolo, la retroattività non può giustificare più di 6 anni di reclusione dopo aver presentato la domanda di asilo presso l'Ambasciata ecuadoriana a Londra".

L'Ufficio dell'Alto Commissario dell'ONU per i diritti umani ritiene che Assange dovrebbe "godere liberamente del diritto di muoversi in conformità con la Convenzione sui diritti umani ratificata dalle Nazioni Unite".

Correlati:

WikiLeaks: ufficio del procuratore generale americano accusa Assange
Procuratore generale dell'Ecuador definisce 2 scenari su caso Assange
Mosca considera fake news notizia della stampa inglese su trattative segrete con Assange
Tags:
Giustizia, Società, Diritti Umani, ONU, Wikileaks, Julian Assange, Londra, Svezia, USA, Gran Bretagna, Ecuador
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik