Widgets Magazine
22:56 25 Agosto 2019
Marte

Marte, Mars-Express fotografa un cratere pieno di ghiaccio

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
141

La sonda Mars-Express ha catturato delle immagini dettagliate del cratere marziano di Korolev pieno di acqua ghiacciata. Le sue immagini sono state pubblicate sul sito web dell'Agenzia spaziale europea (ESA).

La sonda orbitale europea Mars-Express, lanciata nel 2003, è uno degli strumenti principali per la ricerca di acqua su Marte.

Secondo gli scienziati, una volta sul pianeta rosso erano presenti mari, laghi e scorrevano fiumi di acqua con la stessa fluidità del nostro Oceano Artico. La maggior parte di quest'acqua è successivamente evaporata nello spazio insieme all'atmosfera marziana. Solo una piccola parte è rimasta sotto forma di calotte polari e vasti depositi sotterranei di ghiaccio, come recentemente scoperto proprio dalla sonda Mars Express.

Queste riserve idriche periodicamente si sciolgono ed evaporano, per poi precipitare in altri angoli più freddi del pianeta. I ricercatori si sono concentrati su questo "ciclo dell'acqua" marziano, dal momento che può contribuire all'ulteriore "fuga" di acqua dal pianeta, o servire come fonte principale per ipotetici microbi marziani che vivono negli strati profondi del suolo.

Alcune delle più grandi riserve di questo ghiaccio possono essere viste nel cratere di Korolev, una depressione di 82 chilometri di diametro nelle vicinanze del polo nord marziano. Il ghiaccio presente nel cratere, nei periodi più freddi dell'anno, ha uno spessore di quasi 2000 metri. Gli esperti credono che questo ghiaccio si sia conservato in questo sito a causa della grande differenza di temperatura tra il fondo freddo del cratere e le rocce più calde sulla superficie.

Correlati:

Mistero marziano: scomparso tutto il metano nell’atmosfera di Marte
Per la prima volta registrato dalla NASA il rumore del vento su Marte
Marte, il rover Curiosity ha trovato una strana roccia lucida
Tags:
mars express, ghiaccio, Marte, Sonda, ESA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik