13:20 26 Maggio 2019
Ransomware attacks global IT systems

Hacker pubblicano corrispondenza diplomatici dell’UE di diversi anni

© Sputnik . Kirill Kallinikov
Mondo
URL abbreviato
0 00

Degli hacker hanno violato i dati di corrispondenza dei diplomatici dell'UE di diversi anni in cui lo staff delle missioni diplomatiche discute della Russia, della guerra commerciale tra Cina e degli USA e di altre questioni. Questo è stato affermato in un articolo The New York Times, che ha esaminato il contenuto di circa 1.100 post.

Secondo il giornale, alcune delle conversazioni riguardano il vertice dei presidenti di Russia e Stati Uniti, Vladimir Putin e Donald Trump, svoltosi a Helsinki nel mese di giugno. Un diplomatico europeo ha definito i colloqui un successo, affermando tra parentesi: "almeno per Putin".

Dalla corrispondenza si comprende che dei funzionari americani ed europei hanno discusso la questione sollevata dai leader a Helsinki su un possibile interrogatorio di cittadini statunitensi da parte d'investigatori russi che, secondo Mosca, sono coinvolti in attività illegali nella Federazione Russa. Secondo un messaggio del 20 luglio, "i funzionari della Casa Bianca hanno assicurato agli europei che il consenso di Trump si sarebbe ristretto per impedire l'interrogatorio degli americani".

Inoltre, uno dei diplomatici nella corrispondeza suggerisce che la Russia schiererà armi nucleari in Crimea. Allo stesso tempo, il materiale afferma che i funzionari degli Stati Uniti non possiedono alcuna informazione che possa confermare questa versione. Il personale delle missioni diplomatiche ha anche discusso la possibilità della partecipazione del capo di Roscosmos, Dmitry Rogozin, soggetto alle sanzioni dell'UE, ad un incontro internazionale sull'esplorazione spaziale in Austria.

La corrispondenza include anche messaggi relativi alle consultazioni tra i rappresentanti dei paesi dell'UE e il presidente della Cina Xi Jinping. La corrispondenza afferma che il leader cinese avrebbe messo a confronto il metodo di trattativa di Trump con Pechino nella questione della guerra commerciale con un "intimidazione" e un duello di pugilato senza regole che "nuoce a tutti". Come segue dai materiali, Xi Jinping ha promesso di non cedere alla pressione americana e ha ricordato che la Cina non è più un "paese arretrato".

NYT rileva che le informazioni sulla corrispondenza rubata sono state confermate dalla ditta Area 1, fondata da ex dipendenti della National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti e che lavorano nel campo della sicurezza informatica.

Correlati:

Mosca disposta a pubblicare corrispondenza sul caso “Russiagate”
Kiev darà alla Corte Internazionale di giustizia dell'ONU la corrispondenza con Mosca
Usa, Pence: l’Fbi riveli i nuovi dati sulla corrispondenza di Hillary Clinton
Tags:
hacker, hacker, Hacker, UE, Donald Trump, Xi Jinping, Vladimir Putin, Europa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik