13:33 05 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
5328
Seguici su

Le sanzioni economiche contro la Russia mirano a privarla di forze armate potenti, nell’interesse di Washington. Lo ha dichiarato oggi l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina John Herbst, al canale televisivo ucraino Pryamoy.

"Vogliamo che la loro economia si indebolisca, perché un'economia forte supporta una forte forza militare. E non vogliamo che una forte potenza aggressiva abbia delle potenti forze armate. Pertanto, le sanzioni giovano sicuramente ai nostri interessi", ha affermato Herbst.

L'ex ambasciatore, citando i dati del Fondo monetario internazionale, ha osservato che le sanzioni stanno funzionando nel senso giusto, in quanto il PIL del Russia si abbassa di anno in anno.

In precedenza, il Rappresentante speciale del Dipartimento di Stato USA per l'Ucraina, Kurt Volker, ha dichiarato che i paesi europei e Washington devono prendere in considerazione l'ipotesi di ulteriori sanzioni contro la Russia, alla luce dello scontro tra navi russe e ucraine nello stretto di Kerch.

Gli Stati Uniti tendono ad abusare degli ultimatum e delle sottovalutazioni nelle relazioni con la Russia, inoltre bloccano la discussione delle questioni chiave, anche nel campo della sicurezza globale.    

Correlati:

Unione Europea proroga sanzioni antirusse per altri sei mesi
Conte non risponde a domanda sul veto dell'Italia a proroga sanzioni contro la Russia
Per Bloomberg UE non pianifica “nuove” sanzioni contro la Russia
Tags:
forze armate, Sanzioni, esercito, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook