Widgets Magazine
04:53 17 Settembre 2019
La vista su Terra dalla luna

Capo della NASA svela quando l’uomo tornerà sulla Luna

© Foto: astrogalaxy1.narod.ru
Mondo
URL abbreviato
805
Seguici su

Jim Bridenstine, amministratore della NASA, ha annunciato il lancio di un concorso per la costruzione di moduli di atterraggio lunari con equipaggio e il ritorno degli astronauti sulla luna nel 2028. Lo riporta il sito web dell'agenzia spaziale.

"Basandoci sugli esempi esistenti di cooperazione nell'orbita terrestre, espanderemo la nostra partnership con altri stati e società private per esplorare ulteriormente la Luna, oltre a viaggiare su Marte. Riportare gli astronauti sulla Luna non dovrebbe essere un evento singolo, ma un primo passo verso lo sviluppo sostenibile della sua superficie" ha detto il capo dell'agenzia.

L'esplorazione spaziale con equipaggio e il ritorno dell'uomo sulla Luna è stato uno dei compiti principali della NASA dopo la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali del 2016.

Il presidente degli Stati Uniti e il deputato Jim Bridenstine, che in seguito è diventato amministratore della NASA, in passato ha parlato spesso dei piani per costruire una stazione nell'orbita della Luna, sbarcare sulla sua superficie e creare una "infrastruttura permanente" sul satellite del nostro pianeta.

Tutti questi processi, come ripetutamente sottolineato da Bridenstine, avverranno non solo con la partecipazione della Russia e di altri partner internazionali, ma anche con società private che collaborano con la NASA.

Il primo passo nella loro implementazione è stato la firma di un contratto "aperto" tra la NASA e le principali società spaziali statunitensi per la consegna di veicoli e carichi di agenzie spaziali alla Luna nel prossimo decennio.

La fase successiva sarà, come ha detto Bridenstine stasera, la costruzione di diversi moduli di atterraggio riutilizzabili che consentiranno all'equipaggio della futura stazione orbitale lunare LOP-G di visitare la superficie lunare e ritornare.

Il primo di questi dispositivi, ha detto, condurrà un atterraggio di prova sulla superficie del satellite della Terra nel 2024, e in quattro anni gli astronauti americani seguiranno le orme di Neil Armstrong e faranno il primo "nuovo" atterraggio sulla Luna.

Gli sviluppatori di tale Sistema, come dichiara la NASA, devono creare non solo un modulo di atterraggio e un sistema di supporto vitale, ma anche delle tute in grado a resistere alla condizioni di lavoro sulla Luna e dei sistemi di rifornimento.

In quest'ultimo caso, stiamo parlando dell'uso di tipi classici di combustibile, ossidanti e altri materiali di consumo, di idrogeno, di ossigeno, di metano e altre sostanze che possono essere estratte dal suolo lunare.

Come la NASA spera, la versione finale del modulo di atterraggio lunare sarà completamente indipendente dalla fornitura di risorse dalla Terra. Questo è estremamente importante, secondo il capo dell'agenzia, per creare una "infrastruttura lunare sostenibile" e organizzare una missione su Marte.

Correlati:

Scoperta acqua “sull'asteroide dell'apocalisse” da sonda della NASA
Per la prima volta registrato dalla NASA il rumore del vento su Marte
Esperto spiega perché è necessaria una base russa sulla Luna
Tags:
Luna, Luna, Missione lunare, Colonizzazione della Luna, NASA, Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik