12:05 21 Aprile 2019
Bombardiere Tu-160 (foto d'archivio)

Venezuela, bombardieri strategici russi Tu-160 pronti al rientro in patria

© Sputnik . Maxim Blinov
Mondo
URL abbreviato
5192

I piloti delle forze aerospaziali russe hanno iniziato i preparativi per far ritorno nelle loro basi in patria a bordo degli aerei dell'aviazione strategica, ha riferito il ministero della Difesa.

"Il comandante in capo delle forze aerospaziali russe, il generale Sergey Surovikin, ha dato l'ordine di iniziare i preparativi per fare ritorno alle basi di dislocazione permanente", si legge nel comunicato.

Lunedì, su invito delle autorità di Caracas, 2 bombardieri strategici Tu-160, 1 aereo pesante di trasporto militare An-124 e l'aereo dell'aviazione strategica Il-62 erano partiti per recarsi in Venezuela.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha criticato duramente l'arrivo degli aerei russi. Ha accusato Mosca e Caracas di "sprecare denaro pubblico".

Il Cremlino ha sottolineato che le dichiarazioni del diplomatico americano sono insignificanti e che le "spese militari degli Stati Uniti possono dar dar mangiare all'intera Africa".

Anche il ministero degli Esteri russo ha risposto con fermezza a Pompeo, definendo la sua dichiarazione poco professionale e inaccettabile.

Oltre a Washington, preoccupazioni per l'arrivo degli aerei militari russi sono state espresse dall'Organizzazione degli Stati americani e dal presidente della Colombia.

I piloti russi e venezuelani hanno condiviso le loro esperienze durante la visita. Il ministro della Difesa venezuelano Vladimir Padrino Lopez ha affermato che i voli congiunti sono orientati a preparare il Venezuela per difendersi da qualsiasi possibile aggressione.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato che continueranno le visite di aerei militari da altri Paesi.

Correlati:

Aerei militari russi in Venezuela, capo diplomazia Caracas risponde a Washington
Due bombardieri russi Tu-160 atterrano in Venezuela
Maduro: gli USA stanno preparando un colpo di stato in Venezuela
Tags:
Difesa, Sicurezza, ministero della Difesa della Federazione Russa, Aviazione, America Latina, Venezuela, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik