02:40 26 Aprile 2019
La mosca-killer

Le larve di mosca australiana hanno mandibole affilate come un coltellino svizzero

© Foto: Popmech
Mondo
URL abbreviato
0 10

Si sa che in Australia ogni essere vivente è in grado di uccidere. Gli scienziati hanno scoperto che anche le larve di insetti alati possono cacciare trafiggendo la vittima con le proprie mandibole che assomigliano a un coltellino svizzero e succhiando le sue interiora!

L'asilide australiano Blepharotes splendidissimus spesso viene chiamato la "mosca-killer" e questo soprannome non gli è stato dato a caso. Questa creatura assomiglia a una mosca, non è più grande di un tappo di bottiglia. Chiaramente, come tutti gli animali in Australia, è in grado di uccidere. Questo asilide caccia farfalle e libellule uccidendole direttamente in volo con un morso avvelenato. Di recente, però, gli scienziati hanno scoperto un'altra incredibile caratteristica del Blepharotes splendidissimus: anche le sue larve possono uccidere!

Sull'Austral Entomology i ricercatori hanno reso noto che "le fauci di queste larve sono una specie di coltellino svizzero sui generis". Con l'aiuto della microfotografia sono riusciti a studiare quest'organo senza eguali a noi noti: una sorta di gancio cuneiforme dentellato e incurvato all'indietro. Con l'aiuto di quest'organo le larve squartano i tessuti più morbidi dei coleotteri strappandoli via dai loro corpi. Inoltre, questi "ganci" hanno dei canali attraverso i quali le larve immettono il liquido velenoso direttamente nel corpo della vittima. Il veleno scioglie la carne, dunque alle larve non resta che succhiare via la carne liquefatta della vittima.

Gli scienziati hanno spiegato che le larve fanno il bozzolo sottoterra o nei tronchi degli alberi. Lì sviluppano altri denti che in seguito permetteranno loro di aprirsi una strada verso la superficie.

Sembra spaventoso, vero? Ma, per quanto possa sembrare strano, i ricercatori ritengono che questi insetti possano rivelarsi estremamente utili. Al momento sono proprio questi a regolare il numero delle popolazioni di infestanti erbivori come i bruchi. Fortunatamente non attaccano l'uomo.

Tags:
ricerca, animali, Australia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik