Widgets Magazine
09:33 21 Luglio 2019
Cocaina

Bielorussia: condannato russo a 15 anni per traffico di droga

CC0
Mondo
URL abbreviato
0 50

Un cittadino russo con doppia cittadinanza russa e serba è stato condannato da un tribunale in Bielorussia a 15 anni di carcere per traffico di droga su larga scala, ha detto oggi il tribunale regionale di Grodno.

"Il tribunale distrettuale di Grodno ha esaminato un procedimento penale per accuse contro un cittadino della Repubblica di Serbia e della Federazione russa… Accusato nel luglio 2018, agendo previo accordo in un gruppo con persone non identificate…ha portato illegalmente, in vista di una successiva distribuzione nella Federazione Russa… una sostanza bianca polverosa, parzialmente compressa con una massa di circa 1 chilogrammo, contenente nella sua composizione un narcotico particolarmente pericoloso:  cocaina", ha stabilito la corte in una nota.

Osserva che nascondendo la droga nell'auto l'accusato ha trasportato i narcotici dalla Polonia alla Bielorussia attraverso il checkpoint Bruzgi-2, dove la sostanza è stata scoperta durante l'ispezione doganale dell'auto.

Secondo il verdetto del tribunale, il cittadino russo è dichiarato colpevole di illegalità, allo scopo di vendere, acquistare e trasportare su larga scala droghe particolarmente pericolose, su commissione di un gruppo di persone, nonché di movimenti illegali di droga attraverso il confine doganale dell'EEU (Comunità Economica Euroasiatica). "La punizione sarà la reclusione per un periodo di 15 anni con la confisca dei beni e con una condanna a servire in una colonia correzionale in condizioni di regime forzato", si legge nella dichiarazione.

Il verdetto non è ancora entrato in vigore e può essere impugnato e protestato secondo la procedura stabilita dalla legge.

Correlati:

Italia, arrestati 2 nigeriani con 179 ovuli di droga nell'intestino
Serbia, 300 anni di carcere al signore della droga Saric e i suoi complici
41 arresti nel Salento per traffico di droga
Tags:
Droga, Condanna, condanna, Bielorussia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik