12:16 22 Aprile 2019
Scoperta nuova sottospecie di australopiteco

Scoperta nuova sottospecie di australopiteco (VIDEO)

© Foto: ridus
Mondo
URL abbreviato
0 21

Gli archeologi hanno reso nota la scoperta di una nuova sottospecie di umano antico, l’Australopithecus prometheus. I resti di questa sottospecie sono stati rinvenuti all’inizio degli anni ’90 e da allora gli archeologi si occupano di ripristinare l’intero scheletro.

"Ho passato 20 anni a lavorare su questo scheletro, a cercarne le varie parti nella grotta. Ho trovato ogni singolo osso, li ho puliti per riuscire ad identificarli e, infine, li ho disposti in modo tale da ripristinare lo scheletro", ha rivelato l'autore dello studio, Ronald Clarke.

Lo scheletro venne rinvenuto nella grotta di Sterkfontein in Sudafrica. Allora gli scienziati ipotizzarono che i resti potessero appartenere a un antico antenato umano, Little Foot.

Verso il 1997 Clarke cominciò a riunire tutte le parti dello scheletro: nelle grotte furono trovate altre ossa. Fino al 2012 gli archeologi si occuparono di estrarle dalla roccia. Grazie a questo lavoro, gli scienziati riuscirono infine a riunire praticamente tutto lo scheletro.

Ma gli ultimi studi dimostrano che i resti fanno capo a una particolare specie di australopiteco, l'anello di congiunzione tra la scimmia e l'uomo.

È la prima volta che gli archeologi scoprono questa sottospecie.

Scoperta nuova sottospecie di australopiteco
Scoperta nuova sottospecie di australopiteco

Va ricordato che i resti di Little Foot appartengono a un'anziana donna alta circa 130 cm che visse vicino alle grotte di Sterkfontein in Sudafrica 3,7 milioni di anni fa.

I resti della donna (soprattutto arti) si sono conservati perfettamente: questo ha permesso agli scienziati di ottenere non solo un'immagine completa dello scheletro, ma anche di chiarire come si muoveva Little Foot.

È stato scoperto che la donna si muoveva in maniera insolita: le sue gambe erano più lunghe delle sue braccia, mentre negli australopitechi braccia e gambe erano della stessa lunghezza. Probabilmente, proprio con questa sottospecie cominciò ad allungarsi l'ampiezza del passo.

Oggi i resti di Little Foot hanno ottenuto la denominazione di A. prometheus e sono stati collocati in una sottospecie a parte. I membri di questa sottospecie sono parenti degli australopitechi, ma hanno caratteristiche proprie. Ad esempio, l'A. prometheus aveva un viso più piatto, più denti e uno spazio fra i canini superiori e gli incisivi.

In base a questi dati gli esperti sono giunti alla conclusione che i membri di questa sottospecie potessero essere vegetariani, mentre tutti gli altri australopitechi a noi noti erano onnivori. 

Correlati:

Scoperta acqua “sull'asteroide dell'apocalisse” da sonda della NASA
Scoperta dagli USA: due molecole che soffocherebbero l’HIV latente
Scoperta nuova causa della schizofrenia
Tags:
vita, Scoperta, scienza
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik