08:45 23 Gennaio 2019
Lancio di un missile, Iran

Iran, confermati i test dei missili balistici

© Foto: Ministero della Difesa dell'Iran
Mondo
URL abbreviato
0 120

Amir Ali Hajizadeh, comandante dell’aeronautica militare iraniana, ha confermato il test di un missile balistico, precedentemente annunciato dal segretario di stato americano Mike Pompeo. Lo riferisce oggi l’agenzia Fars.

"Stiamo testando i nostri missili, l'ultimo dei quali è stato importante", ha detto Hajizadeh senza aggiungere ulteriori dettagli.

Egli ha spigato che in un anno l'Iran condurrà 40-50 test missilistici, e il fatto che gli Stati Uniti reagiscano indica che Washington esercita pressione.In precedenza, il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha dichiarato che l'Iran aveva condotto il test di un missile balistico a medio raggio, in violazione della risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Pompeo ha aggiunto che gli Stati Uniti invitato l'Iran a interrompere immediatamente tutte le azioni relative ai missili balistici, progettati per essere armati di testate nucleari.

Gli Stati Uniti insieme ad altri paesi, tra cui Germania e Francia, che sostengono l'accordo sul nucleare iraniano, hanno condannato l'ultimo test missilistico condotto da Teheran, rilevando che il programma missilistico è incompatibile o non conforme all'attuale risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 2015 sul piano d'azione congiunto globale.

Il ministero degli Esteri iraniano, in risposta a queste accuse, ha affermato che il programma missilistico non ha violato le risoluzioni dell'ONU, e l'esercito iraniano ha sottolineato che Teheran avrebbe continuato i suoi test missilistici e non avrebbe chiesto a nessuno il permesso di farlo.    

Correlati:

Presidente dell'Iran accusa Trump di terrorismo economico
USA consigliano di interrompere acquisti di petrolio dall’Iran il prima possibile
Pompeo accusa l'Iran di test di lancio missilistico
Tags:
missile balistico, Test, Mike Pompeo, Iran, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik