18:38 18 Dicembre 2018
Polizia cinese

Polizia cinese arresta criminali che costringono le donne a prostituirsi

© REUTERS / Petar Kujundzic
Mondo
URL abbreviato
170

Gli organi di polizia di Cina e Singapore hanno condotto un'operazione congiunta, in cui hanno arrestato 30 sospetti di rapimento di donne che poi costringevano a prostituirsi.

Più di 140 donne sono state rilasciate, secondo un rapporto pubblicato lunedì dal ministero della Pubblica sicurezza cinese.

Nel marzo di quest'anno cinese, l'ufficio ha ricevuto da Singapore informazioni su alcune indagini che riguardavano il sequestro di persona e detenzione illegale di traffico. È stata poi individuata una banda criminale, che costringeva centinaia di donne cinesi a lavorare a Singapore attraverso i gruppi nei vari social network e le costringevano a prostituirsi.

Dopo aver ricevuto queste informazioni, i dipartimenti speciali delle forze dell'ordine delle province di Guangdong e Jiangsu hanno iniziato a indagare, sono stati creati anche gruppi di lavoro comuni speciali dei due paesi per questo caso. Dopo sono riusciti a scoprire che il raggruppamento era gestito da due uomini della provincia di Jiangsu, di 27 anni.

Solo il 22 novembre le forze dell'ordine hanno potuto compiere un'operazione speciale, a seguito della quale sono stati arrestati 30 indagati, compreso il capo,144 donne sono state liberate.

Correlati:

Trump congela aumento dazi doganali a merci provenienti da Cina
La Cina musulmana
Cina: vietata la ricerca sulle modifiche del DNA degli embrioni umani
Esplosione in un impianto chimico in Cina, almeno 22 le vittime
Tags:
prostitute, arresti, Crimine, arresto, Polizia, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik