11:41 16 Dicembre 2018
Estrazione petrolio

La Russia ha ridotto la produzione di petrolio

© REUTERS / Sergei Karpukhin/File Photo
Mondo
URL abbreviato
0 50

La produzione media giornaliera di petrolio in Russia nel mese di novembre 2018 è scesa dello 0,4 per cento, fino a 11,369 milioni di barili al giorno, riferisce Bloomberg citando i dati della Controllo di vigilanza del settore energetico.

Su base annua la produzione media giornaliera nei primi di dicembre è salita al 3,9 per cento. Nell'ambito dell'attuale accordo OPEC+, la Russia ha estratto 422 mila barili al giorno al di sopra del suo livello di destinazione.

Gli indicatori sono scesi in vista della riunione dell'OPEC + all'inizio di dicembre. Lì, i più grandi produttori di petrolio dovrebbero decidere se tagliare la produzione nel 2019.

Quando il prezzo del petrolio Brent è sceso di oltre il 30 per cento all'inizio di ottobre, fino a 57,78 dollari al barile, la Russia ha iniziato i negoziati con l'Arabia Saudita per ridurre la produzione. I dettagli dell'accordo, compresa la dimensione della potenziale riduzione della produzione, non sono ancora chiari.

Le azioni della Russia hanno già portato ad un forte aumento dei prezzi.

Entro la sera del 29 novembre, il barile di greggio Brent è stato scambiato alla borsa di Londra ICE Futures per 59,84 dollari, l'aumento è stato dell' 1,8 per cento. A quel punto, il barile del marchio nordamericano WTI valeva 51,74 dollari, rafforzatosi al 2,84%.

Correlati:

Microbi marini in grado di “mangiare” il petrolio
Il “sole artificiale” cinese danneggerà il carbone e il petrolio
Concesso petrolio alla Corea del Nord
Tags:
Petrolio, Petrolio, prezzi, OPEC, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik