15:53 15 Dicembre 2018
Il cervello umano

Scoperto il meccanismo irreversibile dell'invecchiamento del cervello

© flickr.com / A Health Blog
Mondo
URL abbreviato
0 20

Un team di biologi del Massachusetts Institute of Technology (MIT) ha scoperto che, con l'età, alcuni neuroni accumulano frammenti di RNA, che si formano durante lo stress ossidativo, portando cambiamenti irreversibili nel cervello. Lo riporta oggi MedicalXpress.

L'accumulo di molecole di RNA è un marker di malattie neurodegenerative, affermano i ricercatori, il cui rischio aumenta con l'età. Ciò riduce anche il numero di proteine sintetizzate, importanti per le funzioni del sistema nervoso centrale. Questo fenomeno è stato osservato anche a livello dello striato, la parte del cervello responsabile della funzione muscolare e associata al morbo di Parkinson e Huntington.

Esistono vari tipi di RNA, incluso l'RNA messaggero (mRNA). L'mRNA svolge la funzione di trasferire informazioni genetiche dal DNA ai ribosomi, che costruiscono catene proteiche in accordo con le sequenze di nucleotidi nell'RNA. Gli scienziati hanno analizzato l'RNA nei neuroni spinosi D1 e D2, che costituiscono il 95% di tutti i neuroni dello striato.

Gli scienziati hanno scoperto che nei neuroni D1 dei topi anziani circa 400 geni producono solo brevi frammenti di mRNA, che si attaccano ai ribosomi, impedendo l'adeguata sintesi delle proteine. La causa del fallimento è lo stress ossidativo causato dall'aumentata formazione di specie reattive dell'ossigeno nei neuroni. I radicali reagiscono con il centro attivo dell'enzima ABCE1, che separa l'mRNA dal ribosoma dopo che la sintesi proteica è completa.

Gli scienziati hanno anche scoperto un processo simile nei tessuti del cervello umano, incluso il lobo frontale della corteccia cerebrale.

Correlati:

Scienziati scoprono come il cervello memorizza e cancella i ricordi
Scoperta nuova area del cervello
Il cervello umano è programmato per la pigrizia
Tags:
invecchiamento, cervello, ricerca scientifica, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik