16:45 16 Dicembre 2018
Genetics

Modifica del DNA umano: quanto è rischioso?

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
203

Dei medici russi commentano la notizia del genetista cinese che ha modificato per la prima volta nella storia il DNA di un embrione umano.

La tecnonologia per modificare il DNA di un embrione non è nuova, viene utilizzata in molti laboratori del mondo ma esclusivamente sugli animali. Non esiste nessun paese al mondo dove è legale fare modifiche al DNA dell'essere umano. Lo ha dichiarato la direttrice dell'Istituto di biologia e biomedicina dell'Università nazionale di Nizhegorodsky, Maria Vedunova, commentando l'annuncio del genetista cinese He Jiankui sulla nascita della prima coppia di gemelli immuni all'AIDS.

He Jiankui afferma di aver partecipato alla prima modifica del DNA di un embrione umano. Secondo la testata Associated Press il genetista avrebbe modificato il DNA di embrioni di sette coppie durante il trattamento riproduttivo, ottenendo dei risultati da una sola gravidanza: due gemelle sono nate a novembre con DNA alterato. Secondo lo scienziato, il suo obiettivo non era quello di curare o prevenire una malattia ereditaria, ma di cercare di infondere un abilità in più che le persone comuni non hanno, quella di resistere all'HIV e all'AIDS.

"È possibile modificare il DNA in modo che il recettore cambi e che nasca un bambino immune da questo virus, ma è severamente proibito e pericoloso. Dopo la seconda guerra mondiale, non vengono eseguiti esperimenti sull'uomo. Puoi cambiare il DNA di un embrione di mammiferi, come l'essere umano, ma è vietato farlo", ha detto la genetista Vedunova in un'intervista con Sputnik.

Esperimenti genetici su embrioni di animali sono stati portati a termine con successo nel mondo, ma non vengono portati avanti ​​per ragioni etiche e vengono distrutti dopo la ricerca. Nessuno scienziato è in grado di prevedere quali conseguenze comporterebbero degli esperimenti per cambiare il DNA negli umani.

"La stessa tecnologia di modifica del DNA sembra semplice. Ma i medici non hanno alcuna garanzia della sicurezza di tali esperimenti. Le conseguenze possono essere completamente imprevedibili. Non ci possono essere anomalie per diverse generazioni, e poi improvvisamente avviene un errore nel sistema e appare il cancro…", ha detto Vedunova.

L'esperimento dello scienziato cinese non è stato descritto in nessun giornale scientifico, non è ancora possibile confermarlo o negarlo. D'altra parte, lo studio, se mai dovesse essere accaduto, rappresenterebbe un altro tentativo di effettuare la terapia genica negli esseri umani, finalizzato a prevenire l'HIV come la principale disgrazia dell'umanità. Tatyana Batysheva, dottoressa in scienze mediche, direttrice del Centro scientifico e pratico per la Psiconeurologia Pediatrica, sostiene che non bisogna lasciarsi prendere dall'euforia e aspettare una conferma scientifica.

"Nonostante i risultati promettenti dello studio, in caso di successo, ci sono una serie di aspetti fisici e biologici che rendono molto pericoloso condurre tali esperimenti. Potremmo ottenere tali cambiamenti in un essere umano che però poi (in caso di problemi) non potrebbe ricevere cure dalla medicina tradizionale. Tuttavia, nel prossimo futuro, la terapia genica svolgerà un ruolo di primo piano nel trattamento e nella prevenzione delle malattie. Finora, queste sono solo dichiarazioni audaci e non supportate di un medico cinese, che, a parte espressioni di stati d'animo, non possono portare nulla. Stiamo aspettando dei risultati seri sulla ricerca. La medicina si basa sull'evidenza, e questa regola non è stata ancora cancellata. Non è possibile prendere per dato di fatto il desiderio di qualcuno", ha detto a Sputnik.

A seguito dell'annuncio della prima modifica di DNA in un embrione umano effettuata da uno specialista cinese, il comitato statale sulla salute e il la pianificazione delle nascite della Cina ha avviato un'indagine su questo caso.

Xu Nanping, viceministro della Scienza e della Tecnologia della Repubblica popolare cinese, ha detto in una conferenza all'ufficio stampa del Consiglio di Stato di martedì che è rimasto molto scioccato dalle notizie sulla nascita di un bambino con DNA modificato "scopriremo i dettagli di tale evento e lo comunicheremo al pubblico". Xu Nanping ha anche osservato che il Ministero della Scienza e della Tecnologia della Cina e l'ex Ministero della Sanità (ora Consiglio Nazionale della Salute) hanno introdotto uno statut nel 2003 che vieta questi studi.

In precedenza, i media cinesi hanno riferito che martedì 27 novembre, il direttore generale dell'Ospedale femminile e pediatrico di Shenzhen (dove l'operazione sarebbe stata eseguita), Cheng Zhen, ha annunciato che l'ospedale ha messo in dubbio la veridicità della dichiarazione di He Jiankui e che si è rivolto alla polizia. Ha anche detto di aver intervistato lo staff dell'ospedale, ma tutti hanno detto che nessuno ha firmato tale dichiarazione medica.

Correlati:

Scienziato cinese annuncia: modificato DNA umano per la prima volta nella storia
La Cina effettua esperimenti e manipolazioni del Dna umano
Tags:
Medicina, aids, dna, Ricerca scientifica, tecnologia, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik