17:05 19 Dicembre 2018
La bandiera estone

L'apolidia diffusa in Estonia suscita interesse all'ONU

CC0 / Public Domain
Mondo
URL abbreviato
252

Giovedì 29 e venerdì 30 novembre, si svolgerà l'11° Forum internazionale delle Nazioni Unite sulle minoranze nazionali presso la sede europea dell'ONU a Ginevra. L'evento è organizzato dall'ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

Il tema di quest'anno sono gli apolidi.

Lo ha riferito all'edizione estone di Sputnik uno dei leader della ong "Scuola russa dell'Estonia" Alisa Blintsova, che interverrà al forum raccontando l'apolidia diffusa tra la minoranza russa nel Paese baltico.

L'attivista estone per i diritti umani è tra i cinque oratori principali.

La Blintsova ha dichiarato di aver già partecipato ad un evento simile nel 2014, dove aveva presentato un rapporto relativo all'apolidia diffusa in Estonia ai rappresentanti ufficiali delle Nazioni Unite e di vari Paesi. Ha riferito dell'impossibilità di ottenere la cittadinanza estone ai figli dei "non cittadini" cresciuti nella repubblica baltica.

"All'epoca non ho visto alcuna reazione ufficiale, ma l'anno seguente, nel 2015, l'Estonia ha preso alcune misure legali sulla cittadinanza ed ha iniziato a concedere la cittadinanza a questi bambini", ha detto la Blintsova.

A suo parere la partecipazione al forum e il suo rapporto hanno spinto Tallinn ad iniziare a rivedere la propria posizione sulla politica di cittadinanza.

"Il fenomeno stesso è estremamente vergognoso per l'Estonia, pertanto sarà di nuovo imbarazzante la politica di cittadinanza per gli estoni presenti. Spero che in qualche modo tutto questo possa indurre cambiamenti in questo ambito", ha aggiunto la Blintsova.

Tags:
Russofobia, Società, cittadinanza, ONU, Paesi Baltici, Estonia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik