19:22 16 Dicembre 2018
Navi ucraine fermate e accompagnate al porto di Kerch

In Crimea convalidato arresto per 12 marinai ucraini fermati nello Stretto di Kerch

© Foto : Servizio stampa FSB in Cirmea
Mondo
URL abbreviato
Incidente nello stretto di Kerch (39)
4415

Il tribunale del distretto Kievsky di Simferopoli ha arrestato per due mesi altri 2 marinai delle forze navali ucraine, fermati mentre violavano il confine russo nello Stretto di Kerch, ha riferito un rappresentante del tribunale a Sputnik.

Le navi ucraine sequestrate
© Sputnik . Press Service of the Border Service of the Federal Security Service of Russia in the Republic of Crimea
Resteranno in custodia preventiva fino al 25 gennaio. Secondo gli avvocati, i militari verranno collocati nel carcere di Simferopoli.

Finora il tribunale di Simferopoli ha convalidato l'arresto di 12 dei 24 marinai ucraini in stato di fermo. I giudici hanno iniziato a valutare le carte questo pomeriggio e le udienze si sono svolte parallelamente in tre aule.

I procedimenti contro gli altri marinai proseguiranno nella giornata di domani.

Situazione nello Stretto di Kerch

Il 25 novembre le cannoniere ucraine Berdyansk e Nikopol e il rimorchiatore Yany Kapu hanno attraversato il confine marittimo russo. Secondo il servizio di sicurezza federale della Russia (FSB), le navi salparono verso lo stretto di Kerch, un accesso al Mar d'Azov, dove le navi furono sequestrate dalla Russia a causa della mancanza di risposta a una richiesta legittima di fermarsi.

Il 26 novembre a seguito dell'incidente il Parlamento ucraino ha approvato il decreto del presidente Petro Poroshenko di imporre la legge marziale in alcune regioni per 30 giorni.

Tre navi della Marina ucraina hanno attraversato il confine russo
© Foto : Border Service of the Federal Security Service of the Russian Federation in Crimea

La Russia ha aperto un procedimento penale per violazione del confine di Stato e ha proposto di discutere la situazione nel Mar D'Azov al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ma la maggioranza dei votanti ha bloccato la richiesta.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha definito la situazione nello Stretto di Kerch una chiara provocazione: Kiev avrebbe violato le principali disposizioni del diritto internazionale secondo Lavrov. Ha notato che le azioni della Marina ucraina erano molto pericolose e minacciavano il movimento delle navi.

Commentando l'introduzione della legge marziale in Ucraina, Lavrov ha sostenuto che Kiev sta cercando di capovolgere una situazione che viene percepita dalla popolazione sempre più negativamente.

Durante l'incidente nello Stretto di Kerch la Russia ha agito secondo il diritto internazionale e le leggi nazionali, dal momento che ha reagito ad un'invasione di navi da guerra straniere nelle acque territoriali della Russia, ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Tema:
Incidente nello stretto di Kerch (39)
Tags:
Giustizia, Incidente, esercito ucraino, Kerch, Mar Nero, Crimea, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik