11:50 16 Dicembre 2018
La tiara di Portland

In Gran Bretagna rubata una preziosa reliquia storica

© Foto: Twitter/The Harley Gallery
Mondo
URL abbreviato
114

Dalla storica tenuta di Welbeck a Nottinghamshire è stato rubato il diamante di Cartier, la "tiara di Portland", che ha lo status di patrimonio nazionale, riporta il Mirror.

"Il diadema è uno dei più imponenti tesori storici, che costituiscono il tesoro nazionale britannico" ha detto il curatore della collezione di gioielli di Londra del Victoria and Albert museum, Richard Edzhikumb. Creata da Louis-Francois Cartier nel 1902, è un'opera d'arte, per la quale sono stati utilizzati diamanti di Portland, è  considerato uno straordinario esempio di design".

La pietra centrale del diadema è un grande diamante, il cosiddetto "diamante di Portland", con due pietre di dimensioni più piccole, il sesto duca di Portland ha ordinato il gioiello a Louis-François Cartier per sua moglie Winifred, che indossava il diadema per la cerimonia di incoronazione di re Edoardo VII.Oltre al diadema, è stata rubata una spilla con diamanti, che in precedenza decoravano il diadema (il suo design è cambiato nel 1920).

I ladri, giunti nella tenuta con un Audi S5 argento, hanno rubato le due reliquie del museo sostituendole con delle copie. Nonostante il segnale di allarme, non sono riusciti a fermarli. Dopo è stata trovata la macchina bruciata dei ladri, la polizia britannica sta indagando sul furto.

Nel mese di settembre 2018, il rappresentante della famiglia reale dell'Arabia Saudita è stato derubato presso L'Hotel Ritz di Parigi. Secondo la sua dichiarazione, i ladri hanno portato fuori dalla camera d'albergo l'oggetto del valore complessivo di 800 mila euro. I gioielli non erano nella cassaforte. I poliziotti non hanno trovato tracce di effrazione nella stanza.

Correlati:

Gran Bretagna: scoperta soprendente sepoltura celtica
Nato in Gran Bretagna raro ibrido di asino e zebra
Gran Bretagna: “legalizzata cannabis per uso terapeutico”
Tags:
furto, gioielli, Polizia, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik