17:30 19 Dicembre 2018
Sicilia, Italia

Proprietà dell'ex proprietario di Valtur confiscate per legami con la mafia

CC BY 2.0 / Scott Wylie / Sicily
Mondo
URL abbreviato
0 90

L'ufficio per la lotta alla mafia in Sicilia del tribunale della provincia di Trapani ha sequestrato sabato le proprietà dell'ex proprietario del famoso gruppo alberghiero Valtur, Carmelo Patti, stimate circa 1,5 miliardi di euro, riferisce il quotidiano la Repubblica.

Secondo informazioni provenienti da fonti delle forze dell'ordine della Sicilia, le proprietà coinvolte riguardano tre grandi complessi turistici, il golf club di Roma, 400 ettari di terreno, oltre 200 immobili, 25 aziende di vario profilo e lo yacht Valtur Bahia di 21 metri.

Secondo i media locali, il decreto di confisca dei beni di Patti, che è morto nel gennaio 2016, lo ha dato personalmente il capo dell'amministrazione nazionale per la lotta contro la mafia, il generale dei Carabinieri Giuseppe Governale.

L'attività del capo del business del turismo in Italia da tempo aveva colpito l'attenzione delle forze dell'ordine. Nel 2012, gli investigatori di Trapani hanno confiscato i beni di Patti, stimati circa 5 miliardi di euro.

La necessità di queste misure restrittive è dovuta al fatto che l'imprenditore ha mantenuto stretti contatti con boss di Cosa nostra e, soprattutto, con il potente boss mafioso Matteo Messina Denaro, che è incluso nella lista dei più pericolosi criminali del mondo, ora ricercato. È interessante notare che uno dei parenti del boss mafioso Michele Alagna entrava nel cerchio dei dipendenti più fidati di Patti.

Correlati:

Sicilia: strade come fiumi e persone sui tetti
Sicilia: trovata sepoltura di discendenti dei vichinghi
Siria, la Sicilia è già in guerra
Tags:
Mafia, Mafia, arresti, arresti, Sicilia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik