07:17 15 Dicembre 2018
Bandiera del Brasile

Il ruolo del Corpo di spedizione brasiliano nella seconda guerra mondiale

© AFP 2018 / MIGUEL SCHINCARIOL
Mondo
URL abbreviato
0 50

Ogni novembre nella città italiana di Pistoia si tiene una partecipazione con la partecipazione di militari e civili in memoria dei soldati del Corpo di spedizione brasiliano (BEC, Força Expedicionária Brasileira), che hanno combattuto in Italia durante la seconda guerra mondiale.

Quest'anno l'evento si è svolto presso il monumento ai soldati brasiliani nel cimitero militare brasiliano di Pistoia. Alla cerimonia hanno partecipato diplomatici brasiliani, politici di alto rango e militari d'Italia, tra cui i capi delle regioni della Toscana e dell'Emilia-Romagna e i sindaci delle città sul cui territorio si hanno combattuto  i BEC.

Il professore di storia all'Università Federale di Paraná (Universidade Federal do Paraná, UFPR), Dennison de Oliveira ha sottolineato in un'intervista con Sputnik Brasil che la partecipazione del Brasile alla seconda guerra mondiale è stata importante soprattutto da un punto di vista politico, non da un punto di vista militare.

"La partecipazione del Brasile alla seconda guerra mondiale è stata importante dal punto di vista politico, poiché ha segnato il riavvicinamento del Brasile, come l'America Latina in generale, agli Stati Uniti e ai suoi alleati nella lotta contro la coalizione di Hitler. Da un punto di vista politico, questo evento è stato senza precedenti, significativo ed estremamente importante", ha spiegato l'esperto.

Autore di diversi libri sulla seconda guerra mondiale, Oliveira ha ricordato che il Brasile ha inviato solo una divisione di fanteria al fronte, dove si trovavano già 28 divisioni dei paesi della coalizione anti-hitleriana.

"All'inizio era previsto l'invio di tre divisioni di fanteria, per un totale di circa 100.000 persone. Tuttavia, per varie ragioni, fu stata inviata solo questa, la prima e l'ultima, divisione,  un'importante aggiunta, ma in nessun modo decisiva ", ha aggiunto la fonte dell'agenzia.

Nonostante il piccolo numero, i soldati del corpo di spedizione brasiliano hanno partecipato a un'importante battaglia, a seguito della quale la fanteria tedesca si arrese.

"Dopo una feroce battaglia dal 26 al 28 aprile del 1945, i soldati brasiliani circondarono la 148° fanteria tedesca e la costrinsero ad arrendersi [il 29 aprile]. Questo è un caso unico in cui una divisione si sia arresa, che ha visto quasi tutti gli ufficiali ancora sotto il comando del loro generale e dello staff generale sopravvivere. I brasiliani hanno compiuto una grande impresa che ha aiutato molto ad accelerare la fine della guerra in Italia", ha aggiunto Oliveira.

Durante la solenne cerimonia, i rappresentanti dell'esercito degli Stati Uniti e l'Associazione dei veterani della 10° divisione di montagna degli Stati Uniti hanno onorato i soldati di BEC. Questi ultimi combatterono fianco a fianco con i brasiliani sotto il 4° corpo delle forze di terra della 5°armata statunitense da gennaio ad aprile 1945 e contribuirono al successo nelle battaglie di Monte Castello, La Serra, Castelnuovo e Montese.

Correlati:

Il futuro dell'innovazione e della ricerca del Brasile dipende da un austronauta
L'operazione Urano: il momento cruciale della Seconda guerra mondiale
Pubblicati documenti unici dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale
Cinque carri armati poco conosciuti della Seconda Guerra Mondiale
Tags:
Seconda guerra mondiale, Memoria, memoria, seconda guerra mondiale, Seconda Guerra Mondiale, Brasile, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik