10:14 17 Dicembre 2018
Dopo l'attacco degli aerei sauditi contro l'ambascata dell'Iran a Sana'a, capitale dello Yemen

Film yemenita nominato all’Oscar girato sotto i bombardamenti

© AP Photo / Hani Mohammed
Mondo
URL abbreviato
240

Ad agosto è uscito il film yemenita 10 Days before the Wedding . Èil primo film yemenita nominato all’Oscar come miglior film in lingua straniera. Il regista Omar Jamal ha raccontato a Sputnik che gli eventi del film avvengono tra il 2015 e il 2018, che le storie hanno basi reali, e che il film è stato girato sotto il rischio di bombardamenti.

"Non sono mai stato da nessuna parte oltre che Aden, non è tra i miei principi lasciare la mia terra. Conosco dall'interno tutta la sofferenza degli yemeniti durante questo periodo. Ho provato a raccontare di loro", ha detto Omar Jamal a Sputnik. Questo film non ha background politico. Questa è una storia interamente umana. Tutti i personaggi hanno i loro veri prototipi.

La Trama

"Il ragazzo e la ragazza si devono sposare nel 2015. Ma a causa della guerra, della distruzione, della fuga, della morte, non possono farlo. Alloora si decide di trasferire tutto al 2018. L'evento principale del film si svolge nei 10 giorni prima del matrimonio. Ogni giorno c'è qualche evento molto importante che può cancellare il matrimonio. Il film ha mostrato che a causa della guerra, un sogno così semplice e comprensibile come il matrimonio diventa praticamente irraggiungibile", ha detto il regista.

Le riprese

Non c'era sicurezza in città, un razzo poteva precipitare in qualsiasi momento. "Chiesi agli attori se erano pronti per andare in strada, e dissero che stare a casa è più pericoloso che lavorare per strada. Pertanto, non abbiamo interrotto le riprese anche durante i periodi più pericolosi. Il budget totale del film è stato di soli 33.00 dollari. Avevamo 48 attori che dovevano essere pagati, ma molti lavoravano gratis, così potevamo completare il tutto". Il regista Omar Jamal ha aggiunto che il lavoro sul film è durato 4-5 mesi.

Il successo

"10 giorni prima del matrimonio" è il primo lungometraggio yemenita popolare tra il pubblico. Se avessi detto a qualcun altro 3 mesi che giravo un film in Yemen e che avrebbe avuto successo, avrei riso di me stesso. Ad Aden non ci sono abbastanza cinema, molti sono andati distrutti dalla guerra. Ma alla fine il pubblico è venuto a vedere il mio film. Ha venduto 50.000 mila biglietti. Questo nonostante il fatto che le persone ora hanno pochi soldi. Sono 3 anni che g li studi cinematografici non girano neanche più le serie televisive a causa della mancanza di fondi", ha detto il regista.

Omar Jamal ha notato che il film ha solo pochi mesi ed è ancora troppo presto per parlare del suo destino. Potrebbe vincere una serie di premi regionali e internazionali. "Abbiamo acquisito una preziosa esperienza, abbiamo provato cosa significa realizzare un film dall'ideazione alla promozione del mercato. Ora possiamo realizzare nuovi film che renderanno più facile sfondare nei festival internazionali", ha affermato Omar Jamal.

Gli auspici

"Voglio dire ai giovani cineasti arabi: siamo stati in grado di realizzare un film interessante e di successo durante la guerra e sulla guerra. Non avevamo soldi, nessun sostegno governativo, nessuna industria cinematografica. Siamo stati in grado di fare un ottimo lavoro. Potete farlo anche voi", ha detto Omar Jamal a tutti i giovani specialisti che dubitano delle loro capacità.

Correlati:

Francia, deputato chiede indagine parlamentare sulla guerra in Yemen
Onu: oltre 6.800 civili uccisi nel conflitto dello Yemen dal marzo 2015
Frecciata di Trump contro l'Arabia Saudita: “non sa usare le nostre armi in Yemen”
Yemen: metà della popolazione rischia di morire di fame
Tags:
guerra, Film, film, Guerra, Guerra, Yemen
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik