11:51 21 Novembre 2018
Bandiera ucraina al confine tra l'Ucraina e la Russia

Ucraina, in vigore legge che criminalizza i russi che attraversano illegalmente il confine

© AP Photo / Inna Varenytsia
Mondo
URL abbreviato
1012

In Ucraina è entrata in vigore la legge che attribuisce la responsabilità penale ai russi che attraversano illegalmente il confine di Stato. A Mosca l'hanno definita come un tentativo di intimidire i cittadini russi e trasformare l'Ucraina in un campo di concentramento.

Kiev si appresta ad estendere la legge sulla Crimea, che considera ancora un suo territorio. Secondo le leggi ucraine, i russi possono entrare in Crimea solo attraverso i valichi di frontiera ucraini, nonostante la penisola si sia riunita alla Russia a seguito del referendum del marzo 2014.

Secondo la nuova legge, rischiano l'incriminazione quelli a cui è stato vietato l'ingresso in Ucraina "per l'attraversamento del confine con lo scopo di danneggiare gli interessi nazionali". Il divieto si applica anche ai militari e funzionari di sicurezza russi che attraversano il confine ucraino al di fuori dei valichi di frontiera senza documenti o con documenti falsi.

In Russia la legge è stata definita un'isteria russofobica pre-elettorale, che avrà un impatto negativo principalmente sui cittadini della stessa Ucraina. Le autorità della Crimea non escludono che sia anche un tentativo di bloccare il flusso di turisti verso la penisola.

Correlati:

Ucraina, responsabilità penale per i russi che attraversano il confine illegalmente
Tags:
Società, Giustizia, Russofobia, Politica Internazionale, Confine, Crimea, Russia, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik