14:32 21 Novembre 2018
Sonno

Scoperta un'altra ragione per cui dormire poco fa male alla salute

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
0 31

La mancanza di sonno implica un enorme numero di effetti negativi sulla salute umana. Recentemente gli scienziati dell'università americana della Pennsylvania hanno definito un altro motivo per cui le persone non dovrebbero rinunciare a dormire il giusto tempo.

Si è scoperto che gli adulti che dormono 6 ore al giorno hanno più probabilità di incorrere nella disidratazione dell'organismo.

L'insorgenza di tale condizione può essere legata ad un particolare ormone che regola la quantità di acqua nel corpo, in particolare aumenta il riassorbimento (cioè aumenta la concentrazione di urina e riduce il suo volume) nei dotti renali.

Gli esperti hanno studiato i dati di 20mila persone adulte che vivono negli Stati Uniti e in Cina. I soggetti coinvolti nell'analisi hanno fornito i test delle urine (sono stati studiati i biomarcatori della regolazione dell'acqua) e indicato quanto tempo dormono in media.

Si è scoperto che tra le persone che dormono circa 6 ore al giorno, il rischio di disidratazione aumenta del 16-59% rispetto a coloro che dormono almeno 8 ore come raccomandato.

In questa fase gli autori della ricerca parlano di una correlazione tra i due parametri. In altre parole non possono ancora stabilire una specifica relazione causale tra privazione del sonno e disidratazione.

Uno dei principali ormoni che regolano la quantità di acqua nel corpo è la vasopressina. Nel 2010 gli esperti canadesi della McGill University hanno ipotizzato che l'attività della vasopressina aumenta durante il sonno, specialmente alla fine del ciclo del sonno.

Riferendosi a questo studio, Asher Rosinger, capo del team di ricerca, afferma che se una persona dorme di notte per sole 6 ore potrebbe ripercuotersi nella regolazione dell'acqua nell'organismo.

"Se ti svegli prima del previsto, si può perdere la fine del ciclo del sonno, quando la maggior parte degli ormoni viene secreta, provocando così un disturbo nella regolazione dell'acqua".

Tags:
Salute, Scienza e Tecnica, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik